Van Gaal e il lungo addio al calcio: quante stelle ha lanciato!


L'attacco stellare di Van Gaal. Foto: Transfermarkt

L’attacco stellare di Van Gaal. Foto: Transfermarkt

“Sono un pensionato. Non ho alcuna voglia o ambizione di fare il direttore sportivo o l’opinionista tv. Mia moglie Truus 22 anni fa lasci il suo lavoro per me e mi ha seguito quando sono andato all’estero. Le dissi che avrei lasciato a 55 anni, e invece sono andato avanti fino a 65. Ha il diritto di avere una vita con me senza calcio, ed molto felice”. Con queste parole Luis van Gaal qualche giorno fa ha annunciato o confermato il proprio ritiro, parlando con l’olandese VTBL. Van Gaal ha 67 anni e non allena da quando fu esonerato dal Manchester United nel 2016.

LO SQUADRONE
Per rendere omaggio al suo addio alla panchina il sito Transfermarkt ha buttato gi un ‘undici’ con giocatori fatti debuttare dal tecnico olandese nel corso della sua lunga carriera, all’Ajax, al Barcellona, al Bayern Monaco e al Manchester United. Uno squadrone.


I VIDEO DI GAZZETTA TV

sUPER CAMPIONI
In porta Victor Valdes, uno che non ha avuto un riconoscimento unanime, per ha vinto due Champions ed stato fondamentale nel Bara di Guardiola. In difesa l’immenso Carles Puyol, con Badstuber e Alaba. Davanti a loro la strana coppia Xavi-Davids, poi Iniesta e Seedorf. Su Transfermarkt aggiungono ai due l’inglese Jesse Lingard, noi lo sostituiremmo con Nwankwo Kanu, che arriv in Europa da adolescente dopo aver giocato nell’Iwuanyanwu in Nigeria: non debutt calcisticamente con LVG, ma si fu l’olandese a dar vita alla sua carriera europea con l’Ajax che arriv a due finali di Champions consecutive a met anni 90. In attacco Kluivert e Rashford. Tutta gente che ha debuttato tra i 16 anni, Kanu e Seedorf, e i 21, Puyol e Lingard. Tutta gente che ha vinto tanto o tantissimo: alcuni persino il Mondiale, quelli del Bara, quasi tutti la Champions, Seedorf addirittura tre con tre squadre diverse. Tutti devono dire grazie al maestro olandese, che ora si dedica alla famiglia: loro sono un po’ figli suoi.

Dal nostro inviato Filippo Maria Ricci 

© riproduzione riservata




https://www.gazzetta.it/rss/home.xml

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi