Sincro e tuffi: Cerruti e Tocci già in finale – La Gazzetta dello Sport


Nel solo l’azzurra conquista il sesto punteggio mentre il bronzo uscente da un metro centra l’ottavo posto

dal nostro inviato Stefano Arcobelli

Buongiorno Gwangju. I Mondiali coreani di nuoto si aprono con le prime qualificazioni di tutti e nuoto sincro a poche ore dalla cerimonia d’apertura. Due azzurri avanzano in finale: la sincronette Linda Cerruti e il tuffatore Giovanni Tocci. La russa Svetlana Kolesnichenko, detentrice uscente, guida il Solo tecnico ed entra in finale con 94.1126. Irrompe al 2° posto la spagnola Ona Carbonell, 2a in 91.82.65, terza è la nipponica Yukiko Inui 98.6797, quarta l’ucraina Marta Fiedina 90.6797, quinta la canadese Jaqueline Simoneau a 89.1527 e sesta Linda Cerruti, la savonese che ha ottenuto 26.5000 pr l’esecuzione, 26.9000 per l’impressione artistica e 34.4093 per gli elementi. Linda tornerà in acqua dalle 9 italiane con Costanza Ferro per le eliminatorie del Duo tecnico, sulle note del Concerto a Song from Humans and Machines di Michele Braga con coreografia di Patrizia Giallombardo, c.t. delle azzurre. Nel Solo la sincronette ligure esegue un esercizio sulle note di Insomnia di Alexey Arkhipovskiy coreografate da Gana Maximova. Una prova armonica lunga 2’23” che valorizza più il lato artistico come dimostra il punteggio. L’esecuzione non viene valorizzata il giusto dai giudici ma la Cerruti, che vanta 14 medaglie europee, afferma che il Solo tecnico è da sempre la gara più difficile per l’agitazione che le mette come dimostra l’entrata in acqua in cui le è scivolata una mano, perdendo stabilità e successivamente equilibrio. Due anni fa, ai Mondiali di Budapest Linda fu sesta. La finale è prevista sabato alle 12.

Tuffi/ Tocci ok

—  

Nelle eliminatorie dei tuffi dal piccolo trampolino, il bronzo uscente Giovanni Tocci timbra la qualificazione alla finale di domenica con l’8° punteggio di 357.50 davanti al tedesco Patrick Hausding, mentre Lorenzo Marsaglia al debutto individuale ai Mondiali è 26° in 320.45. In testa alla classifica c’è la copia cinese Wang Zongyuan (429.40) e Peng Jianfeng (410.80), da medaglia il sudcoreano Woo Haram 396.10, il messicano Pacheco quarto in 390.40 e l’icraino Kolodiy 370.40. Alle 9 italiane toccherò all’altra medaglia azzurra di Budapest, Elena Bertocchi rompere il ghiaccio dal piccolo trampolino. Contento è il calabrese Tocci: “Ho saltato bene perché ero tranquillo e concentrato, forse nei tuffi finali i giudici sono stati un po’ avari nei punteggio ma la gara sin da queste eliminatorie si presenta tirata. E’ stato un ottimo test anche in vista del sincro da 3 metri, siamo una nuova coppia e vogliamo far bene. Sì è davvero un ottimo punto di partenza”. A metà gara Giovanni era 9° e Lorenzo era 19°, e proprio nella quarta esecuzione, il doppio e mezzo indietro raggruppato l’entrata in acqua e la parte finale dell’esecuzione hanno destabilizzato la gara del deb romano, che ha ammesso: “Era difficile recuperare dopo quel 36, non pensavo di patire l’emozione del debutto. Io e Giovanni ci troviamo molto bene e spero di rifarmi nel sincro”.


https://www.gazzetta.it/rss/home.xml

www.lorodipulcinellabolzano.it

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi