“Resto, ho gi parlato con Agnelli. Ajax? Ha meritato”


Max Allegri calmo, quasi serafico. Lucido, nel fare i complimenti all’Ajax che ha interrotto a sorpresa il cammino della sua Juve in Champions. Determinato nel confermare che l’anno prossimo ci riprover. Lui resta, come detto anche da Agnelli.

analisi
“Nel secondo tempo l’Ajax ha meritato ampiamente il passaggio del turno – dice netto il tecnico bianconero -. Prima eravamo stati pi raccolti, pi compatti e li avevamo messi in difficolt. Abbiamo preso un gol fortuito e forse abbiamo preso paura. Ci siamo allungati e loro sono usciti alla grande. Poi abbiamo regalato i gol con errori nostri”.


assenze
Forse con un Chiellini, un Mandzukic, un Douglas Costa in pi almeno in panchina… “Infortuni? Chiaro che sarebbe meglio arrivare a queste partite con tutta la rosa a disposizione. Non stato cos, avevamo fuori alcune pedine importanti. Giocare poi partite cos dispendiose a soli 7 giorni di distanza non ti aiuta. Non dimentichiamo che quando battemmo il Barcellona 3-0 a Torino, a loro mancava Busquets. Le assenze pesano per tutti, noi e avversari”.

Max Allegri. Afp

Max Allegri. Afp

tattica
All’intervallo il cambio Kean-Dybala non ha giovato alla squadra. “Con un centravanti vero come Kean, hai pi profondit davanti, ma perdi compattezza. questione di caratteristiche, non di colpe dell’uno o dell’altro”.

I VIDEO DI GAZZETTA TV

futuro
Il presidente Agnelli lo ha confermato poco prima, ai microfoni di Sky. Anche Allegri fuga i dubbi. “Se resto? Ho parlato col presidente Allegri l’altro ieri, costruiamo il futuro insieme. La squadra giovane”. Manca un leader vero in mezzo al campo? Un Chiellini della difesa, per dire… “Pi che l’assenza di un leader a centrocampo, il problema stato che l’1-0 durato troppo poco, sarebbe stato utile portarlo sino all’intervallo e sarebbe stata una ripresa diversa. Ci sono per anche i meriti dell’Ajax eh…”. A proposito, dove pu arrivare questa banda di ragazzini scatenati che sta sconvolgendo le gerarchie dell’Europa pallonara? “L’Ajax due anni fa ha giocato una finale di Europa League, non dimentichiamolo – replica Allegri -. E non si arriva in semifinale per caso. Sono in forma, hanno giocatori bravi e in semifinale tutti se la possono giocare. Se poi lasci loro campo aperto, sono devastanti”.

 Gasport 

© riproduzione riservata


https://www.gazzetta.it/rss/home.xml

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi