Mou: ‘United, i problemi sono rimasti. Pochettino cosa ha vinto?’ – La Gazzetta dello Sport


Il portoghese ne ha per tutti: “Il Psg è indietro ai club europei, uno tra Poch e Klopp dovrà perdere. A Manchester Pogba non era l’unico responsabile”

Ne ha per tutti, Mourinho. Per Tuchel che si è fatto eliminare dal “suo” United. Per lo United stesso che l’ha cacciato ma che poi si ritrova con gli stessi problemi. Per uno tra Pochettino o Klopp, che comunque perderà la Champions. E pure per il Psg che magari un giorno deciderà di affidargli la panchina. Insomma, il portoghese non risparmia nessuno, in un’intervista all’Equipe.

Psg

—  

“Il Psg è un club di dimensione mondiale, con giocatori di livello mondiale. Ma non ha ancora vinto nulla a livello europeo. Ed è questo che è importante. Lo stesso vale per gli allenatori. Puoi avere grandi qualità, ma a fine carriera ciò che hai vinto è quel che conta. Il Psg vince tutto in patria, come Juve e Bayern, ma rimane dietro ai grandi club europei”. Lo dimostra anche l’ennesima eliminazione agli ottavi di Champions: “Penso di saperne le ragioni tattiche e mentale”. Uno schiaffo a Tuchel che in molti vorrebbero lasciasse il posto a Mourinho: “Impossibile allenare una squadra che ha già un tecnico”, precisa il portoghese. Nonostante il connazionale Henrique come direttore sportivo: “Con lui ho vissuto un periodo di successi, ma per 15 anni non ci siamo frequentati”.

United

—  

Poi si passa all’ultima squadra allenata: “Posso solo dire due cose – analizza Mourinho – che il tempo ha parlato e che i problemi sono rimasti”. Inclusi quelli di spogliatoio: “Pogba non era l’unico responsabile, ed è diverso dal rapporto con Benzema. Con Karim non c’era un conflitto, volevo solo aiutarlo a cambiare mentalità. Mi è piaciuto molto lavorare con lui. Di Martial invece spero possa raggiungere il livello del suo potenziale”.

Colleghi

—  

E infine viene il capitolo dei colleghi rimasti al comando delle rispettive squadre, finaliste di Champions: “Pochettino, cos’ha vinto finora? Ammiro il lavoro suo e di Klopp, ma uno dei due dovrà comunque perdere”. Guardiola ha vinto salendo così a 26 titolo con l’ultima Premier League, uno in più di Mourinho: “Ma se fossi rimasto dopo aver trionfato con Porto e Inter magari ora sarei a più di trenta trofei. Forse non sono così focalizzato sui numeri”.


https://www.gazzetta.it/rss/home.xml

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi