L’orgoglio di Cito per Cennamo e Caulo “Gran lavoro, siamo sulla strada giusta”


passata ormai quasi una settimana ai due bronzi ottenuti da Gabriele Caulo e Assunta Cennamo alle Olimpiadi Giovanili ancora in corso a Buenos Aires. La gioia resta grande per i ragazzi e lo staff azzurro che gi pensano al futuro, cos come il Presidente FITA Angelo Cito che con loro ha vissuto intensamente quei giorni di gara in Argentina: “Sono felice ed orgoglioso, la strada quella giusta”.

Gabriele Caulo e Assunta Gabriele Caulo e Assunta

Gabriele Caulo e Assunta “Susy” Cennamo con le medaglie di bronzo ai Giochi Giovanili di Buenos Aires

Gabriele Caulo e Assunta “Susy” Cennamo con le medaglie di bronzo ai Giochi Giovanili di Buenos Aires

ORGOGLIO “Susy” Cennamo e Gabriele Caulo hanno ufficialmente fatto il loro ingresso nel Mondo Olimpico conquistando due medaglie di bronzo nelle rispettive categorie dei -63 kg. “La vera difficolta – sottolinea Cito – stata la qualificazione ai Giochi, che oramai comporta un impegno agonistico internazionale enorme. I due ragazzi hanno confermato il bronzo della qualificazione e grazie a risultati internazionali si sono posizionati al 3 posto nel ranking che gli ha consentito l’accesso diretto a quarti di finale. Sono felice ed orgoglioso. Gabriele ha mancato per un soffio, agli ultimi secondi, l’accesso alla finale disputando per uno dei pi bei incontri dei Giochi contro l atleta Thailandese. La strada quella giusta ed doveroso fare un plauso al direttore tecnico Claudio Nolano, al suo staff e al lavoro della societ d’appartenenza degli azzurri, che con un lavoro corale sono riusciti a far maturare agonisticamente questi ragazzi in tempo utile per un evento cos importante”.


Da destra: Angelo Cito, presidente FITA, con il d.t. Claudio Nolano e il presidente del Coni Giovanni Malag

Da destra: Angelo Cito, presidente FITA, con il d.t. Claudio Nolano e il presidente del Coni Giovanni Malag

FUTURO Si torna a casa con un bagaglio di esperienze ancor pi ricco e pronti per ripartire verso il futuro che ha come obiettivo finale Tokyo 2020: “Sono molto fiducioso – continua il Presidente FITA -, ma consapevole che il livello internazionale e il sempre maggior numero di Paesi che competono a livello mondiale non ci permettono di rilassarci affatto. Noi siamo in corsa e faremo di tutto per conquistare le qualificazioni per Tokyo. Per usare un motto che ci proprio: ‘Bisogna combattere e non abbassare la guardia’”. SPORT E SCUOLA Caulo e Cennamo sono ancora giovanissimi, ma proprio sui giovani punta ormai da tempo lo staff azzurro: “Sono la vera risorsa, ma purtroppo per loro doppiamente complicato dedicarsi agli innumerevoli impegni agonistici internazionali per acquisire punti per il ranking per via degli impegni scolastici che come ben sappiamo non sempre si riesce a far convergere. Per il momento il campo ci ha detto che non abbiamo l’atleta da medaglia d’oro, lavoreremo affinch questo possa avvenire in futuro”.


https://www.gazzetta.it/rss/home.xml

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi