«La compagnia del cigno»: l’adolescenza e le scelte di Cotroneo


C’ qualcosa che non mi convince nella fiction La compagnia del cigno e cerco di capirlo con onest per la grande stima che ho nei confronti di Ivan Cotroneo (Rai1, luned e marted, ore 21.25, sei puntate). La storia interessante: siamo nel conservatorio Giuseppe Verdi di Milano, dove il severissimo professor Marioni, detto il bastardo (Alessio Boni), mette insieme un gruppo di sette ragazzi obbligandoli a esercitarsi assieme. L’impianto narrativo richiama subito alla mente una serie come Glee che aveva preso un genere, il musical, trasformandolo in una lunga storia, non rinunciando ai problemi adolescenziali (la coscienza di s, la droga l’omosessualit, la disabilit, l’integrazione razziale), ma aggiungendovi un aspetto surreale e magico, lontano dalla quotidianit. Esattamente quello che aveva fatto Cotroneo in Tutti pazzi per amore, dove la lezione pop era finalmente riuscita a contaminare la seriosit della produzione di Rai Fiction.

Cosa non funziona in La compagnia del cigno? La recitazione? In parte, troppo compresi nel ruolo (Matteo sconvolto dal terremoto di Amatrice, Barbara ossessionata dalle aspettative materne, Robbo ha i genitori che si separano, Rosario ha una madre che torna da un centro di disintossicazione…), agli interpreti manca quel colpo di surrealt che ha sempre permesso a Cotroneo di scompigliare le carte. Gli adulti, poi, sono sempre sopra le righe. Non funziona la musica classica? Pu darsi, la nostra ignoranza ci impedisce di interiorizzare i brani musicali trasformandoli in occasioni narrative. O forse la musica classica non trova qui la capacit di convertirsi in genere per offrire quella giusta mistura fra musical e dramedy. Ovviamente la storia di sette ragazzi che scoprono l’amicizia, la solidariet e la complicit per superare insieme alcuni problemi generazionali di per s coinvolgente. Ma da Cotroneo mi aspettavo qualcosa di pi.

9 gennaio 2019 (modifica il 9 gennaio 2019 | 20:54)

© RIPRODUZIONE RISERVATA





http://xml2.corriereobjects.it/rss/spettacoli.xml

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi