il bomber dalle due facce, deludente allo United e devastante con il Belgio – Il Posticipo


Dottor Romelu e Mister Lukaku. Se il belga di origini congolesi fosse un film, sul titolo non ci sarebbero dubbi. Almeno, se a deciderlo fossero i tifosi del Manchester United. Difficile dare torto ai supporter dei Red Devils, perché a Old Trafford l’attaccante non ha assolutamente mostrato il meglio di sè. La stagione appena terminata parla di un gol ogni tre partite, 15 marcature in 45 presenze, una media che non è stata per niente apprezzata né dalla società né dai tifosi. Anche e soprattutto considerando che per accaparrarselo Mourinho ha speso 85 milioni di euro più bonus. Di conseguenza, il belga ha perso il posto in squadra e, come riporta il Sun, in pochi si strapperebbero i capelli nel vederlo andare all’Inter.

UNITED CONTRO BELGIO – Se però si prendono in esame le cifre di Lukaku con la maglia del Belgio, è tutta un’altra storia. A soli 26 anni, l’attaccante dello United è già il miglior marcatore nella storia degli altri Diavoli Rossi, con 48 reti in 81 presenze. Vale a dire una media di 0,59 gol a partita, non certo qualcosa di cui lamentarsi. E mettendo a paragone solamente i numeri di questa stagione, il confronto è assolutamente impietoso. Con il Belgio sono arrivate 8 reti in 6 partite, più di un gol ogni 90 minuti giocati. Per la precisione…1,15. Di contro c’è il misero 0,33 dello United 2018/19, con i gol segnati per la maggior parte dei casi contro le piccole squadre, mentre nei match importanti il belga si è eclissato sia dalla partita che dal tabellino.

IL VERO LUKAKU – E quindi la domanda si pone: qual è il vero Lukaku? La verità sta nel mezzo, perché il secondo giocatore più pagato della storia della Premier non può essere esattamente considerato un flop. Nella prima stagione a Old Trafford, le cifre sono state decisamente migliori (27 reti in 51 partite complessive). E a discolpa del belga c’è anche da considerare che quest’anno da quelle parti non c’è praticamente nessuno che abbia disputato un’annata degna di nota, tra cambi di allenatore e polemiche a non finire. Meglio pensare al Lukaku dell’Everton, vicecapocannoniere della stagione 2016/17 con 25 gol in 37 match di Premier League. O a quello di Russia 2018, dove sono arrivate 4 reti (anche se tutte nella fase a gironi). A Manchester lo rimpiangerebbero se dovesse andare via? Probabile. Ma del resto, allo United sembrano aver deciso….




https://www.gazzetta.it/rss/home.xml

www.lorodipulcinellabolzano.it

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi