«A Catania quartieri a rischio Serve anche l’esercito in campo»


Procuratore Zuccaro, l’attenzione nazionale ed internazionale puntata sull’indagine Sea Watch che vede indagati per sequestro di persona Salvini, Conte, Di Maio e Toninelli davanti al Tribunale dei ministri. Pu confermare la notizia dell’inchiesta e la sua richiesta di archiviazione?

Posso confermare entrambe le notizie, essendo esse gi state rese pubbliche da uno degli interessati, cui era stata data la comunicazione prevista dalla legge Costituzionale che disciplina la materia. Il resto, comprese le motivazioni, coperto da segreto investigativo. Cos il Procuratore della Repubblica di Catania, Carmelo Zuccaro, inizia il dialogo in esclusiva con il Corriere della Sera, una intervista incentrata su temi di stringente attualit: la sicurezza, la lotta alla mafia. Catania una delle metropoli pi importanti del Sud d’Italia. Una citt che con tutte le sue contraddizioni, le sue ombre e luci, una metafora del Meridione. Nel colloquio il procuratore Zuccaro parlando delle grandi indagini di mafia sottolinea: La legge uguale per tutti, anche per i potenti, anche a Catania.

Qual la situazione sul piano della sicurezza a Catania?

Vi sono quartieri della citt intensamente popolati e degradati, non solo periferici ma anche nel centro storico, in cui proliferano piazze di spaccio controllate da gruppi direttamente o indirettamente collegati con sodalizi mafiosi, che gestiscono sulle pubbliche strade i loro traffici di sostanze stupefacenti condizionando la vita e le abitudini di quei quartieri e reclutando a man bassa manovalanza anche tra la popolazione pi giovane per l’attivit di pusher o di vedetta.

Dopo i diversi casi di violenza che hanno avuto risonanza nazionale avvenuti nella zona della movida lei ha lanciato la richiesta di un impiego dell’esercito in sinergia con le forze dell’ordine e la polizia locale. Perch?

L’opinione pubblica percepisce un livello di sicurezza piuttosto basso e purtroppo tale percezione corrisponde alla situazione effettiva, come recenti gravi episodi di cronaca nera confermano. Per quanto concerne la carenza di mezzi, basti pensare che il sistema di videosorveglianza pubblica a Catania gravemente inefficiente e nonostante il previsto stanziamento di rilevanti risorse finanziarie si tarda ancora a concretizzare un piano efficiente di messa in opera di tale sistema. Attualmente a Catania, come in altre citt italiane, sono presenti contingenti di militari dell’Esercito impegnati a presidio di obiettivi sensibili contro gli attacchi terroristici. Nelle riunioni di Comitato in Prefettura si contemplata la possibilit del loro impiego anche in funzione di controllo dinamico del territorio, ovviamente ad integrazione e supporto del personale di Polizia, atteso che solo a quest’ultimo compete comunque la decisione e gestione dell’intervento che dovesse rendersi necessario. Fondamentale mi sembra per anche il coinvolgimento delle associazioni di categoria e dei cittadini dei quartieri interessati in una strategia partecipata di messa in sicurezza dei quartieri.

Lei alla guida di una delle procure in prima linea nelle grandi indagini di mafia che vedono coinvolti anche potenti esponenti del mondo imprenditoriale, economico e finanziario. Qual stato il ruolo di Catania nelle dinamiche di collegamento fra la mafia militare e pezzi potenti dell’economia e della politica?

Catania costituisce uno degli esempi pi significativi di come Cosa Nostra possa operare per decenni in una delle citt pi attive nel settore commerciale, astenendosi dal compiere azioni eclatanti — tranne in rari casi — e mirando prevalentemente “agli affari”, che per la mafia significa sia l’accaparramento delle risorse economiche pubbliche e private disponibili sul territorio grazie alla rete di collusioni su cui pu contare sia il reinvestimento in attivit formalmente lecite dei proventi dei traffici illeciti. Come Procura siamo impegnati nello smantellare questa vasta rete di appoggi esterni, individuando gli esponenti delle istituzioni pubbliche, del mondo delle professioni e dell’economia contigui a Cosa Nostra. E nel contempo siamo concentrati nel lavoro di confisca del vasto patrimonio immobiliare e mobiliare di questo sodalizio mafioso. I risultati sinora conseguiti sono senz’altro positivi e incoraggianti ma siamo ben lontani dal traguardo finale e soprattutto l’impegno che ancora si richiede assai forte ed esige un sempre maggiore coinvolgimento attivo della societ civile e l’impiego di risorse investigative qualificate nel contrasto alla criminalit dei “colletti bianchi” di cui in alcune forze di Polizia si avverte a Catania ancora la mancanza, nonostante le sollecitazioni da me pi rivolte ai vertici amministrativi. Senza tale impegno, e limitandosi solo a una miope politica di contenimento di Cosa Nostra il virtuoso processo innescato sar reversibile perch il cancro mafioso che corrode il tessuto sociale sano finir per prevalere.

In un dibattito ha condiviso una frase del suo predecessore Giovanni Salvi: La legge uguale per tutti, anche per i potenti, anche a Catania. Quanto importante questo messaggio?

fondamentale. Non vi sono “intoccabili”, la legge uguale per tutti. Questo uno dei principi cardine del sistema giudiziario e la sua violazione non solo inciderebbe sull’efficacia del contrasto alla mafia per le ragioni gi dette, ma minerebbe anche la credibilit dell’istituzione giudiziaria e la fiducia dei cittadini, la cui attivit di denuncia dell’illegalit costituisce un elemento irrinunciabile.

16 aprile 2019 (modifica il 16 aprile 2019 | 22:03)

© RIPRODUZIONE RISERVATA




FONTE UFFICIALE: CORRIERE.IT

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi