8 di fila tra Serie A, Bundesliga e Liga


Arturo Vidal, 31 anni. Getty

Arturo Vidal, 31 anni. Getty

“Seguivamo Giuseppe Rossi, ma ci innamorammo di Vidal”. La svolta nella carriera del Guerriero avviene la sera del 10 marzo 2011 per puro caso. La partita in questione Bayer Leverkusen-Villarreal, andata degli ottavi di finale di Europa League. Fabio Paratici, d.s. della Juve, siede in tribuna al fianco di Rudi Voller, d.s. del club tedesco. Il risultato finale pirotecnico: 3-2 per gli spagnoli con il gol, guarda caso, dell’azzurro. Nella testa di Pepito il ritorno in patria sempre pi vicino, ma il dirigente bianconero rimasto folgorato dalla prestazione di un altro giocatore in campo: quel cileno, tutta corsa e fisico, spostato da Heynckes dalla difesa al centrocampo. King Arturo chiuder la stagione a 13 gol accaparrandosi il titolo di miglior marcatore della squadra, ma il suo futuro gi scritto: a luglio firmer il passaggio alla Juventus diventando una pedina inamovibile nell’undici di Antonio Conte.

Vidal festeggia il primo scudetto con la Juve nel 2012. Getty

Vidal festeggia il primo scudetto con la Juve nel 2012. Getty

Specialista di “scudetti”
Prima di volare nel Vecchio Continente il guerriero di San Joaquin ha giocato al Colo Colo, club di cui sempre stato tifoso, dove ha scalato velocemente le gerarchie e trionfato in tre campionati cileni. Gli anni a Leverkusen sono gli unici senza successi nella carriera di Arturo. Dall’arrivo a Torino inizia la scalata da record: quattro scudetti alla Juventus, tre Bundesliga con il Bayern di Guardiola e da questa sera la sua prima Liga con il Barcellona. Otto titoli nazionali consecutivi tra Italia, Germania e Spagna, tre dei pi prestigiosi campionati europei. Una striscia di successi unica che sbaraglia la concorrenza di rivali illustri. CR7 lo scorso weekend diventato il primo giocatore in grado di vincere in Serie A, Liga e Premier League, tre dei top5, ma in totale fanno sei titoli e manca l’elemento della continuit. Ibra dal 2004 al 2011 ne ha vinti 8 tra Ajax, Juventus, Inter, Barcellona e Milan (il primo in bianconero sar successivamente revocato, mentre il secondo assegnato all’Inter), ma si tratta di solo due campionati dell’Europa che conta. Cos come Buffon: 8 scudetti consecutivi tra Juve e Psg. Barzagli e Chiellini vantano otto scudetti esclusivamente italiani mentre Ljubomir Fejsa, centrocampista del Benfica ha raggiunto addirittura quota nove di fila (e lotta per il decimo con le Aquile di Lisbona), ma in leghe considerate minori: 4 titoli con il Partizan Belgrado in Serbia, 2 con l’Olympiakos in Grecia e 3 col il club portoghese.


Ossessione champions
La stagione blaugrana di Arturito non stato certo idilliaca tra problemi fisici, contrasti con i tifosi e incomprensioni con Valverde. Il tabellino del cileno recita due gol all’attivo, la peggior prestazione dalla chiamata di Paratici alla Juve, anche se resta indelebile la firma finale nella manita al Real Madrid di fine ottobre. Nel giorno della sua presentazione al Camp Nou ha promesso “tre Champions in tre anni”: la coppa dalle grandi orecchie rimane la sua ossessione. L’ha sfiorata nel 2015 con la maglia della Juve in finale proprio contro il Bara e ora ci pu riprovare. Sar l’anno giusto per sfatare il tab?

 Matteo Zorzoli 

© riproduzione riservata




https://www.gazzetta.it/rss/home.xml

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi