tormenta su Buenos Aires, Superclasico a rischio rinvio. Citt blindata


Pioggia battente sulla Bombonera.

Pioggia battente sulla Bombonera.

Le forti piogge che si sono abbattute questa mattina sulla capitale argentina minacciano la finale di stasera tra Boca e River. Migliaia di agenti in citt per garantire la sicurezza. Un clima da apocalisse accompagna il conto alla rovescia verso la finale d’andata di coppa Libertadores, minacciata da forti venti e un violento acquazzone. La situazione a Buenos Aires, dove Boca e River dovrebbero scendere in campo alle 21 ora italiana, cos critica che le autorit locali e i vertici della Conmebol ventilano l’ipotesi di un rinvio della partita a domani.

ALLERTA METEO
La forte tormenta che questa mattina ha oscurato il cielo di Buenos Aires minaccia seriamente il Superclasico in programma alla Bombonera. Il campo di gioco presenta diverse zone allagate e, secondo quanto riferito dagli organizzatori, sar necessario attendere le prossime ore per valutare l’efficacia del sistema di drenaggio. Al momento la pioggia sulla capitale argentina si attenuata, ma se il campo non fosse in condizioni ottimali per l’orario del calcio d’inizio si potrebbe optare per il rinvio di 24 ore. Il sistema meteorologico nazionale ha lanciato l’allerta meteo alle prime ore dell’alba, ma prevede un sensibile miglioramento per il pomeriggio sul fronte pioggia. A preoccupare per la possibilit di una forte tempesta elettrica che porrebbe a rischio pubblico e giocatori.


CITT BLINDATA
Decisive le prossime due ore, anche perch a partire dalle 13 ora locale (le 17 in Italia) apriranno i cancelli della Bombonera per consentire l’ingresso ai tifosi. Nel frattempo, la citt blindata gi dalle prime ore della mattina. Le autorit locali e il Ministero della Sicurezza hanno deciso di elevare il numero di agenti dispiegati nei dintorni dello stadio e nelle zone nevralgiche di Buenos Aires: 2.000 (anzich i 1.300 previsti inizialmente) gli agenti a presidio dell’evento, che sar monitorato anche con l’ausilio di un pallone aerostatico collocato a 300 metri d’altezza e dotato di un sistema di monitoraggio a riconoscimento facciale. Per l’occasione verranno anche utilizzati degli speciali apparati che inibiranno l’uso di droni, per garantire la sicurezza anche nello spazio aereo della Bombonera.

 Adriano Seu 

© riproduzione riservata


https://www.gazzetta.it/rss/home.xml

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi