sconfitta e rissa. Khabib vince per sottomissione


Tutto ci si poteva aspettare dalla sfida di questa notte per il titolo UFC dei pesi Leggeri tranne che finisse senza sapere con certezza chi il campione. Nell’Ottagono a vincere stato il detentore, Khabib “the eagle” Nurmagomedov, che a 3 minuti e 3 secondi del quarto round ha costretto Connor McGregor, una superstar anche fuori dal mondo delle MMA, a dichiarare la resa a seguito di una neck crank, ovvero uno schiacciamento del collo. Un match di alto livello tecnico, nettamente a favore di Nurmagomedov che ha confermato le sue straordinarie doti tecniche nella lotta ma che lui stesso ha trasformato in quella che probabilmente ad oggi la pagina pi triste di questo sport. Quando l’arbitro Herb Dean ha stoppato il match il russo ha infatti in principio posto resistenza all’essere separato dall’irlandese. Poi stato spinto via in quanto stava inveendo contro McGregor. Un brutto comportamento ma almeno in parte scusabile con l’ansia per questo match cumulata per anni. Purtroppo per il russo non si fermato li e, sconvolgendo tutti i presenti ed il pubblico davanti alla tv in tutto il mondo, saltato tra la folla aggredendo alcuni membri del team di Mc Gregor. Nel mentre, nell’Ottagono, i suoi secondi colpivano McGregor alle spalle.


la rissa
Per bloccare la situazione dovuta intervenire la polizia presente alla T Mobile Arena di Las Vegas. L’irlandese stato scortato fuori mentre un imbarazzatissimo Dana White, presidente di UFC, ha faticato non poco a convincere Nurmagomedov ad abbandonare per motivi di ordine pubblico la struttura senza indossare, come pretendeva, la cintura di campione. Il verdetto, per la prima volta nella storia, stato quindi proclamato senza atleti presenti. La polizia di Las Vegas ha in seguito arrestato tre membri dell’entourage dell’atleta daghestano che sono stati per rilasciati in quanto McGregor si rifiutato di presentare denuncia. Ora, sulla carta, Nurmagomedov rimane il campione, ma gi White in conferenza stampa post evento ha dichiarato che, nel caso di lunga squalifica, il titolo gli verr revocato. Tutto infatti adesso nelle mani della Nevada State Athletic Commission, l’ente statale che per la legge americana regola gli eventi sportivi. La UFC in primis ha auspicato il pugno di ferro per sanzionare il comportamento di Nurmagomedov e compagni che gi rischia di essere sanzionato dalla promotion con il mancato pagamento della borsa. Un episodio tristissimo e senza precedenti in uno sport, le MMA, improntato al grande rispetto degli avversari. Adesso invece questo match entrer negli annali della cronaca sportiva non per il suo valore tecnico ma per il finale vergognoso.


rivalit
La rivalit tra i due atleti era di vecchia data. Khabib attendeva questa sfida da anni. Non si era mai disputata prima per una certa reticenza dell’UFC a far combattere il personaggio pi mediatico di tutte le MMA con un fighter con una immagine per nulla appetibile per il pubblico mainstream; poi per l’assenza di McGregor dall’Ottagono da quasi due anni. Il russo voleva dimostrare di essere il migliore al mondo e ha preso sul personale le provocazioni di “the irish pride” e del suo team.

 Guido Colombo 

© riproduzione riservata


https://www.gazzetta.it/rss/home.xml

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi