Rams e Kansas City imbattute, Cincinnati rimonta Miami


Il touchdown di Joe Mixon (Cincinnati). Afp

Il touchdown di Joe Mixon (Cincinnati). Afp

Los Angeles (Rams) e Kansas City restano imbattute, superando test probanti. Cincinnati esibisce una rimonta clamorosa su Miami, Cleveland e Houston vincono al supplementare, ma il finale più vibrante è quello di Charlotte che condanna i Giants contro i Panthers. La quinta domenica Nfl ha dispensato gare palpitanti, il Monday Night che chiude la giornata sarà New Orleans-Washington.

KANSAS CITY-JACKSONVILLE 30-14
I Chiefs restano intoccabili: 5-0 di record, prima forza dell’AFC. Vincono anche nel pomeriggio in cui Mahomes torna sulla Terra, contro la super difesa Jaguars (3-2) senza TD su passaggio e con due intercetti al passivo. A fare la differenza, in negativo, ci pensa Bortles, che senza Fournette lancia 4 intercetti, uno riportato in end zone dalla pur sospetta difesa Chiefs. Fanno 70 intercetti personali dal 2014, record Nfl, 13 ritornati in meta, altro sciagurato primato. Difficile per i Jaguars sognare il Super Bowl con un QB mediocre. Kansas City invece dimostra equilibrio e maturità: la secondaria impazza pur senza le safety titolari e Hunt corre pur contro una linea feroce.


SEATTLE-LA RAMS 31-33
i Rams restano perfetti grazie alla rimonta frutto di un 4° quarto da 9-0, con la conversione di un rischioso 4° & 1 con 1’39” da giocare. I Seahawks (2-3), alla prima senza Thomas, infortunato, e Kendrick, squalificato, giocano una gara tutta cuore: non basta. I Rams s’impongono pur perdendo a partita in corso per commozione cerebrale Cooks e Kupp.

PITTSBURGH-ATLANTA 41-17
la sfida tra due “malate”, delusioni inattese d’autunno, “guarisce” gli Steelers (2-2-1) e manda in terapia intensiva i Falcons (1-4). L’asse Big Ben/Brown produce due mete, Conner fa la controfigura di Bell, le squadre speciali bloccano il punt di Bosher, la difesa produce 6 sacks. L’AFC permette una partenza falsa: Pitt può tornare a far paura. Fa sorridere la celebrazione di JuJu, che mima il parto di un pallone da football. Atlanta rischia d’aver già buttato via la stagione a inizio ottobre. Gli infortuni difensivi sono un alibi parziale per Coach Quinn/Sarkisian, che non possono non rischiare il posto.

PHILADELPHIA-MINNESOTA 21-23
vittoria scacciacrisi per Minny (2-2-1) che nella rivincita dell’ultima finale di NFC sbanca Philly (2-3) e la mette nei guai. I Vikings, senza il RB Cook, trovano modi inconsueti di segnare: stupisce la meta di Joseph, corpulento uomo di linea, che ritorna addirittura per 64 yds un fumble di Wentz. L’on side kick recuperato da Thielen fa scorrere i titoli di coda.

CINCINNATI-MIAMI 27-17
impresa dei Bengals (4-1) che rimontano da sotto 17-0, segnando addirittura 27 punti di fila. Solito Green incontenibile con 112 yds di prese, solito Dunlap spauracchio in pass rush, e poi due palle recuperate riportate in meta, un intercetto (Johnson) e un fumble (Hubbard). Miami è più questa di quella che era uscita dai blocchi di partenza con un 3-0 di record….

LE ALTRE PARTITE
Buffalo batte Tennessee 13-12: decide Hauschka allo scadere. I Bills (2-3) ribadiscono di non essere il punchball immaginato in prestagione, i Titans d’essere più modesti di quanto suggeriscano record (3-2) e ambizioni. I Jets (2-3) disintegrano Denver (2-3) 34-16. Crowell corre per 219 yds, in 15 portate. Coach Joseph, senza migliorare l’attacco, ha rovinato una difesa d’élite. Keenum, poi, è un bluff scoperto: tutta la lega tranne Elway sapeva che era QB modesto. Detroit (2-3) piega Green Bay 31-23. Non fatevi ingannare dal punteggio: all’intervallo era 24-0 Lions. Crosby, kicker in verde, ha sbagliato i primi 4 field goal: i Packers (2-2-1) paiono essere Rodgers e poco altro. Cleveland (2-2-1) vince 12-9 su Baltimore (3-2) grazie al calcio allo scadere del supplementare (già il 3° per i Browns) del kicker Joseph, che aveva mancato i pali alla fine dei regolamentari. Mayfield esulta alla prima casalinga da titolare. Partita palpitante a Charlotte: Carolina (3-1) piega 33-31 i Giants (1-4) col calcio da 63 yds di Gano allo scadere. Beckham fa di tutto: fumble che propizia un TD dello special team Panthers, lancio per la meta di Barkley e ricezione da 6 punti. Ma la rimonta di New York si rivela un’incompiuta. I Los Angeles Chargers (3-2) spazzano via Oakland (1-4) 26-10, Rosen vince la sua prima gara Nfl, per Arizona, (1-4) spazzando via 28-10 San Francisco (1-4), ancora senza vittorie senza Garoppolo. Infine, nel Sunday Night, secondo successo di fila al supplementare di Houston (2-3) che supera Dallas (2-3) nel derby texano, 19-16. L’asse Watson-Hopkins fa la differenza, Prescott delude una volta di più.

 Riccardo Pratesi 

© riproduzione riservata




https://www.gazzetta.it/rss/home.xml

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi