Nba, Raptors con 4 vittorie su 4: ecco perch…


I Raptors sono i protagonisti di questa prima settimana di stagione Nba. I canadesi hanno centrato 4 vittorie in altrettante partite giocate, e non sembrano aver l’intenzione di staccare il piede dall’acceleratore. Il merito tutto di un gruppo che sembra gi molto ben amalgamato: a capo, naturalmente, c’ Kawhi Leonard, che deve far fare l’ennesimo salto di qualit alla franchigia. Questa Toronto per non un “one man show”: Kyle Lowry, Serge Ibaka e Danny Green sono gli ingranaggi principali del motore di una fuoriserie partita meglio di tutti.

Kawhi Leonard, 27 anni, prima stagione a Toronto. Ap

Kawhi Leonard, 27 anni, prima stagione a Toronto. Ap

effetto kawhi
Dopo aver giocato solo 9 partite nel 2017-18 a causa di un delicato infortunio al quadricipite e dopo aver fatto precipitare i rapporti con gli Spurs, che hanno fatto venire qualche dubbio anche in chiave caratteriale, Kawhi ci ha messo solo 3 partite per dimostrare a tutti di essere ancora uno dei migliori giocatori in Nba. Il suo ingresso in casa Raptors andato nel migliore dei modi: per ora la stella di coach Nurse sta viaggiando a 25.7 punti (col 45.9% dal campo, compreso il 46.7% da 3), 8.7 rimbalzi e 2.7 assist, trascinatore di uno degli attacchi pi prolifici della Nba, capace di superare gli avversari di 11.3 punti ogni 100 possessi, il miglior dato tra le concorrenti della Eastern Conference. Kawhi ha gi acceso la modalit superstar, adattandosi come un guanto al sistema di gioco di coach Nurse. Le cose, soprattutto in materia di chimica e identit di squadra, non possono che migliorare per i Raptors, che hanno gi ufficialmente lanciato la loro sfida a Est.


cast
Al di l dell’ottimo impatto di Leonard, quello che pu davvero far sorridere i tifosi dei canadesi la qualit delle prestazioni del supporting cast, evidenziato soprattutto dalla vittoria con Washington con Kawhi a riposo. Lowry, che sembra aver gi superato lo shock per il divorzio dall’amico ed ex compagno DeRozan, ha gi trovato il suo ruolo da co-protagonista accanto a Kawhi: 21.5 punti col 57.7% da 3 e 10 assist di media, a dimostrazione di uno smalto offensivo da All-Star completamente ritrovato. In casa Nurse tutto sta andando per il verso giusto, compreso l’inserimento di Green, efficace sia in attacco (11.3 punti di media) che in difesa (1.3 stoppate e 1.3 palle recuperate).

Nick Nurse con Serge Ibaka: la rinascita del congolese

Nick Nurse con Serge Ibaka: la rinascita del congolese tra i meriti pi grandi del nuovo coach dei Raptors. Ap

nurse
Nell’ottimo avvio dei Raptors c’ ovviamente anche il marchio di coach Nick Nurse. La sua mossa pi azzeccata stata quella di affidarsi al quintetto piccolo, inserendo Ibaka al posto di Jonas Valanciunas da centro in quintetto e restituendo cos al congolese una condizione che sembrava ormai irrecuperabile, come attestano i 15.3 punti e 7.5 rimbalzi a partita. Insomma, i Raptors in modalit “small ball” stanno girando al meglio, su entrambi i lati del campo e i 127 punti con 36 assist, il tutto impreziosito da 8 stoppate, registrati nel match contro Charlotte, ne sono la dimostrazione. “Era una cosa che pensavo dal primo momento in cui sono arrivato a Toronto – afferma Nurse : volevo che Ibaka giocasse pi da centro, cos da avere Leonard, Siakam o Anunoby in posizione di ala forte. E stiamo andando davvero bene”.


https://www.gazzetta.it/rss/home.xml

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi