Nba preaseason, senza LeBron i Lakers sconfitti, a riposo anche Gallinari


Shai Gilgeous-Alexander e Brandon Ingram. Afp

Shai Gilgeous-Alexander e Brandon Ingram. Afp

Tutto esaurito ad Anaheim per la classica partita prestagione dei Lakers nella parte sud dell’immensa area metropolitana della citt californiana. Nella sfida contro i Clippers c’ stata una serata di riposo per l’attrazione principale, LeBron James, con grande delusione di chi ha comprato biglietti che raggiungevano nelle ore precedenti la gara anche cifre intorno ai 400-500 dollari. Riposo programmato anche per Danilo Gallinari, dopo due ottime prestazioni, il cui rientro previsto marted contro Denver. La gara, piacevole anche se priva di tanti attori principali (Lonzo Ball, Pat Beverley fra gli altri) ha visto la vittoria Clips per 103 a 87.

INGRAM E HARRIS
Senza LeBron e senza Gallinari occhi puntati su i due giocatori che possono fare le fortune delle due squadre angelene e a cui i rispettivi allenatori chiedono un ulteriore salto di qualit. Brandon Ingram, alla terza stagione in Nba, forse il giocatore dei gialloviola con pi pressione dopo un estate dove il suo nome era rimbalzato fra varie possibili scenari di trade in realt mai realmente esplorati da Magic e Pelinka. Sar importante capire come si adatter alla presenza di LeBron James e come riuscir a giocare al suo fianco. Il difetto di questi primi due anni, dove i lampi di talento sono stati spesso accecanti, stata la continuit che non pu mancare in una squadra che punta ai playoff e dove il prodotto di Duke deve essere uno dei primi terminali offensivi. Grandi margini di miglioramento per Ingram mentre Tobias Harris assomiglia sempre di pi ad un giocatore a cui manca veramente poco per raggiungere un livello di elite. Molto chiaro a tal proposito Doc Rivers che parla del giocatore preso da Detroit nella trade con Blake Griffin in termini molto alti tanto da escludere categoricamente ogni possibile coinvolgimento in scenari di trade per arrivare a Jimmy Butler. Harris un attaccante molto pulito, solido e poco appariscente, con un gioco completo e una versatilit straordinaria che a fianco di Gallinari perfetta. Molta curiosit a tal proposito nel vedere il quintetto piccolo con Harris da quattro e Gallinari da centro con il quale i Clippers possono veramente creare problemi a tutte le difese.


NOTE POSITIVE
Con il rientro di Lonzo Ball che dovrebbe avvenire mercoled a Las Vegas nella partita contro Golden State, Walton avr finalmente tutta la squadra al completo e potr iniziare a delineare il quintetto base. Ancora aperti i ballottaggi nella posizione di guardia, dove Hart sembra molto pi forte di Caldwell Pope ma potrebbe iniziare l’anno uscendo dalla panchina per motivi di anzianit, e in play dove Ball sembra avere un leggero vantaggio su Rondo che sar comunque mentore e giocatore chiave del sistema. Rivers invece conta su un gruppo che ha cambiato poco durante l’estate e dove ognuno ha ruoli e compiti ben definiti. In un roster molto profondo l’unico problema pu arrivare dal reparto guardie dove ci sono cinque giocatori che intasano una posizione dove il rookie Shai Alexander trover per forza spazio e minuti dopo aver impressionato in questo inizio.

 Zeno Pisani 

© riproduzione riservata


https://www.gazzetta.it/rss/home.xml

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi