Milan, Caldara infortunio serio. Strappo da 3 mesi di stop


Mattia Caldara (24 anni). LAPRESSE

Mattia Caldara (24 anni). LAPRESSE

Rino Gattuso, preso dalle buone sensazioni che regala una vittoria in rimonta, aveva fatto un quadro delle condizioni di Caldara orientato all’ottimismo: “Starà fuori un paio di mesi”. La situazione sembra invece più complicata di come l’aveva descritta l’allenatore nel post partita con la Samp: “Il problema al gemello mediale” rivelato dal tecnico domenica sera, senza ulteriori dettagli, si scopre essere uno strappo di quasi tre centimetri al muscolo del polpaccio destro. Una diagnosi che può richiedere anche qualche settimana di lavoro fisioterapico in più: l’assenza dell’ex Atalanta potrebbe allora prolungarsi di un altro mese, per un totale di tre, e includere anche tutto gennaio nella tempistica utile al recupero. L’unica speranza, ma l’umore del giocatore e di chi gli sta vicino resta cupo, è che una volta assorbito l’ematoma il danno sia meno profondo di quanto si era immaginato. La riabilitazione verrà fatta a Milano, insieme allo staff rossonero e senza avvalersi di consulenti esterni.

guai
Una città che per ora non gli ha portato granché fortuna: l’unica apparizione rossonera risale alla trasferta in Lussemburgo contro il Dudelange. A San Siro deve invece ancora presentarsi: doveva succedere in un’altra partita di coppa, l’ultima con il Betis, ma la necessità di riprendere il risultato mal si conciliava con il tentativo di restituire minuti a un ex infortunato. Il guaio al polpaccio è infatti successivo a giovedì, e ovviamente riportato in allenamento. Prima ancora però le cose non erano andate molto meglio: l’infortunio alla schiena delle prime giornate e poi il principio di pubalgia che aveva dovuto smaltire nelle settimane più recenti. Una serie di guai iniziata a Milano e che non va letta come una ricaduta, o un peggioramento, di un altro acciacco alla schiena di cui Caldara aveva già sofferto all’Atalanta. Nel finale di stagione a Bergamo, e nel precampionato alla Juve, la condizione non aveva destato sospetti, anzi: Mattia era in ottima forma. L’unico problema, una volta arrivato al Milan, era di adattabilità tattica: alunno di Gasperini nella difesa a tre, doveva imparare in fretta a muoversi nella linea a quattro di Rino. Un problema di poco conto per chi dall’allenatore è considerato “una spanna sopra gli altri” e in generale come uno dei migliori talenti italiani. Ecco perché i rimpianti aumentano.


 Alessandra Gozzini 

© riproduzione riservata


https://www.gazzetta.it/rss/home.xml

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi