“Macch favori… E non ho mai parlato con Trump”


Gianni Infantino. Epa

Gianni Infantino. Epa

“Non ho mai parlato con Trump per chiedergli di organizzare il 2026 in America e non in Marocco. Gli ho parlato soltanto dopo il voto, ad agosto. Anche quell’accusa una falsit”. Gianni Infantino si difende cos nella prima intervista dopo la diffusione dei documenti di Football Leaks che lo coinvolgono su varie questioni, dal Mondiale per club al fair play finanziario (quand’era all’Uefa), dagli investimenti Fifa al Qatar, replicando punto per punto. “Non c’ una virgola di illegale e neanche una violazione di un regolamento. Non c’ niente. C’ solo che la Fifa totalmente cambiata rispetto al passato. Sono figlio di immigrati italiani, sto cambiando la Fifa, forse qualcuno non era abituato…”. Ecco i punti pi importanti dell’intervista che leggerete domani sulla Gazzetta.

MONDIALE 2026
“Il sistema per assegnarlo il pi democratico e pubblico che esista al mondo. Con regole certe fin dall’inizio. Ho dovuto resistere alle pressioni di chi chiedeva di tornare al passato…”.


FAIR PLAY FINANZIARIO
“Sono un presidente alla Fifa, ero un segretario generale esecutivo all’Uefa. Il mio obiettivo era aiutare i club, non distruggerli. Ho incontrato Psg e City come altre squadre per trovare un ‘settlement’, un accordo, ma la decisione finale spetta sempre ai panel giudicanti, non a me. Non avevo neanche gli strumenti per cambiare le carte in tavola. E comunque City e Psg sono stati multati di una ventina di milioni. Non solo. Su 30 club, soltanto 2 sono stati esclusi: il Milan, che il Tas ha reintegrato nelle coppe, e una squadra russa. Quando si parla di favoritismi si sbaglia: i club ‘piccoli’ esclusi hanno avuto questa sanzione perch non hanno pagato i debiti, gli stipendi, cosa molto pi grave”.

MONDIALE PER CLUB
“Va fatto anche per impedire la Superlega e quei tornei estivi che si giocano in America o in giro per il mondo e che porteranno alla Superlega. Con il torneo Fifa ci sar anche solidariet e redistribuzione. A marzo vedremo: io cerco sempre di raggiungere l’accordo, ma se non sar possibile si decider a maggioranza, come succede in democrazia”.

QATAR A 48
“Il Mondiale a 48 sar dal 2026. Per, se in Qatar sar possibile, anticiperemo l’allargamento. Altrimenti niente”.

INVESTIMENTI FIFA
“Abbiamo quadruplicato gli investimenti per le federazioni e aumentato fatturato e riserve. Tutti i versamenti sono sotto audit. Perch invece chi fa certe inchieste non si chiede dove finivano i soldi della vecchia Fifa? Erano sempre tanti, ma non si sa…” .

VAR
“Tra 10 anni si chiederanno come siamo stati cos stupidi a cominciare cos tardi”.

NO CAMPIONATO ALL’ESTERO
“La Fifa ha detto no alla proposta spagnola di giocare qualche partita all’estero perch non crediamo che a sua volta sarebbe contenta di ospitare in Spagna partite della Premier. La Supercoppa diversa, si pu fare, un torneo comunque meno importante”.

DOMANI SULLA GAZZETTA DELLO SPORT L’INTERVISTA COMPLETA

dal nostro inviato Fabio Licari 

© riproduzione riservata


https://www.gazzetta.it/rss/home.xml

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi