L’ombra dei riti satanici nella morte di Imane, sparita nel 2003


PRATO – Quelle ossa hanno un nome, quindici anni dopo. Sono di una donna Imane Lalou, origini marocchine. Quando scomparve, durante un viaggio da Montecatini a Prato per andare a trovare il marito, aveva 32 anni. I suoi resti furono ritrovati tre anni dopo nascosti in un’area di sosta dell’Autosole non lontano da Barberino del Mugello. Adesso, dopo un’indagine ripartita lo scorso anno grazie alla tenacia e alle intuizioni del sostituto procuratore di Firenze, Giuseppina Mione, si è riusciti con il Dna a individuare l’identità di quei poveri resti, ma anche a stabilire che Imane è stata massacrata e fatta a pezzi.

Riti satanici

Tra le ipotesi anche quella che la giovane donna sia stata vittima di un rito satanico. Dunque adesso s’indaga per omicidio volontario e occultamento di cadavere. La procura ha lanciato un appello. «Chi sa qualcosa si faccia avanti», hanno detto i magistrati, convinti che la verità adesso non è così lontana. Le ossa, ritrovate il 21 giugno del 2006, erano state occultate in più sacchi abbandonati in un bosco vicino a una piazzola autostradale, sulla carreggiata nord dell’autostrada A1, dopo il casello di Barberino di Mugello (Firenze). La madre della ragazza, Zoubida Chakir, non si è mai arresa. E del caso interessò anche la trasmissione tv Chi l’ha visto?.

L’ultima volta

«L’ultima volta che ho visto mia figlia è stata la mattina del 27 giugno del 2003», ha raccontato mamma agli investigatori. Spiegando che sua figlia era a casa con lei a Montecatini quando decise di tornare dal marito, con il quale si era sposata tre anni prima, a Prato. Zoubida aveva scongiurato la figlia di non andare, perché quell’uomo aveva problemi con la droga ed era, secondo la donna, uno spacciatore.

7 novembre 2018 (modifica il 7 novembre 2018 | 10:31)

© RIPRODUZIONE RISERVATA




FONTE UFFICIALE: CORRIERE.IT

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi