” l’anno zero? Quello dodici mesi fa. Ora anche peggio…”


Leonardo Bonucci. Getty

Leonardo Bonucci. Getty

Bonucci parla a 48 ore da “una gara molto importante, che dobbiamo vincere. Dentro o fuori? Poco ci manca… A me la Nations League piace, non sono d’accordo con Klopp. E’ un torneo che ti permette di giocare per i tre punti, d quindi stimoli importanti. E speriamo che la pensino cos anche i tifosi, perch bello vedere gli stadi pieni, sempre”. Ecco Leo leader: “Perdere o anche solo pareggiare mi fa rosicare. E prendere sempre gol un problema. Dobbiamo riuscire a esser equilibrati, a tenere alta la concentrazione. Ci vuole poi pi cattiveria l davanti. Quando si arriva ai venti metri bisogna saper fare male agli avversari e non accontentarsi di essere arrivati l. Mercoled siamo stati belli ma poco cinici. Detto questo, i passi avanti in generale sono evidenti. E credo che il mister riproporr lo schieramento coi tre attaccanti di movimento”. A livello di singoli piovono complimenti per Bernardeschi e Barella: “Federico l’ho lasciato ragazzo un anno fa e l’ho ritrovato oggi un uomo che far parte per tanti anni della Juve e che sar uno dei giocatori pi importanti della Nazionale. Barella un leader giovane, a Cagliari trascina da solo una squadra intera…”.

leo politico
La politica parla di calcio al punto zero, “ma al punto zero ci eravamo gi un anno fa – continua Bonucci – e da allora non cambiato niente. Anzi, forse le cose sono peggiorate. Spero che con l’elezione del nuovo presidente federale si cominci a vedere del buono. Serve una riforma limpida che migliori il calcio italiano. Che richieste farei? Regole ferree e certe. Faccio un esempio, e tiro in ballo la Viterbese, squadra della mia citt: oggi, e siamo a met ottobre, la Viterbese appunto non ha ancora giocato una gara, e non una cosa normale. Serve una riforma importante”. E sull’Aic che non si schiera, “dico che l’intenzione quella di stimolare i futuri vertici a mettere i calciatori al centro del progetto. Abbiamo fiducia, la nostra posizione non significa che non siamo con il futuro presidente”.


cristiano ronaldo
Caso Ronaldo: “In settimana l’ho visto tranquillo e sereno, e non sta a me commentare e giudicare certe vicende personali. Parlo del giocatore e dico che un valore aggiunto per noi, sia in campo sia fuori. E’ stimolante ed esaltante vedere un cinque volte Pallone d’Oro allenarsi con la cattiveria di chi deve ancora arrivare. Non molla un centimetro e ti ispira a fare lo stesso”. Leo felice di essere tornato alla Juve (”provo una sensazione di benessere”), ma trova il modo di regalare comunque una carezza al Milan, in occasione dell’imminente derby: “Spero in una grande partita. Sono un doppio ex, ma se devo scegliere dico Milan: in rossonero ho lasciato amici veri e un grande allenatore”.

l’ex ct
Chiusura dedicata a Ventura: “Sono felice che sia tornato ad allenare. A lui posso solo dire grazie, con lui sono di fatto nato, a Bari. Dopo la Svezia c’ stato un gioco al massacro con il c.t., le colpe andavano divise. Per non so a cosa si riferisca quando dice di essere stato delegittimato dopo Spagna-Italia. Noi giocatori siamo sempre stati a completa disposizione: prima, durante e dopo Spagna-Italia”.

dal nostro inviato Mirko Graziano 

© riproduzione riservata


https://www.gazzetta.it/rss/home.xml

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi