Karate, Mondiali da record a Madrid Benetello: “Sar uno spettacolo”



Manca una settimana all’inizio dei Campionati Mondiali di Madrid. Giunta alla 24esima edizione, la rassegna iridata si preannuncia essere l’evento pi importante non solo dell’anno, ma dell’intero periodo preolimpico per la disciplina, non c’ infatti trampolino di lancio migliore verso il debutto del karate come sport olimpico a Tokyo 2020. Dal 6 all’11 novembre la capitale spagnola diventer il palcoscenico di un appuntamento da record: pi di 1400 atleti da 140 Paesi saliranno sui tatami del WiZink Center per contendersi il titolo. “Tutto pronto. Preparatevi a delle novit e a tanto spettacolo”, parola di Davide Benetello, Membro del Comitato Esecutivo CIO e WKF.

Davide Benetello con Thomas Bach e gli altri membri della Commissione per la Dichiarazione degli Atleti del CIO a Buenos Aires

Davide Benetello con Thomas Bach e gli altri membri della Commissione per la Dichiarazione degli Atleti del CIO a Buenos Aires

RECORD – Mondiali da capogiro dunque tanto da dover allungare le competizioni di un giorno: “Non c’ precedenza per quanto riguarda i numeri raggiunti – continua Benetello -, ecco perch abbiamo esteso il programma gara a cinque giorni. I tempi sono ormai ben rodati, ma c’ da ammettere che la video review li ha dilatati: anche se gli arbitri sanno gestire il tutto al meglio, le richieste di valutazione possono essere molte e questo l’unico fattore a rischio per quanto riguarda la durata”.


NOVITA ‘– E proprio in relazione alla prova video arrivano le prime importanti modifiche: “La visione delle immagini non avverr pi a bordo tatami, ma bens in una sala privata e isolata dal pubblico che per potr rivedere le azioni in alta risoluzione su maxischermi posti nel palazzetto. Questa soluzione gi stata testata dietro le quinte della Premier League di Berlino e crediamo sia una cosa positiva per il pubblico: lavoriamo con una casa di produzione ben organizzata, i costi aumentano, ma di pari passo anche la qualit del servizio”.

 Davide Benetello, membro Commissione Esecutiva WKF e CIO a Buenos Aires per i Giochi Giovanili

Davide Benetello, membro Commissione Esecutiva WKF e CIO a Buenos Aires per i Giochi Giovanili

OLIMPIADI – C’ grande attesa per l’evento dell’anno, ma lo sguardo gi puntato a Tokyo 2020. Dal 2 luglio infatti si aperto ufficialmente il ranking olimpico e, trattandosi dell’ultima rassegna iridata prima dei Giochi, i punti diventano davvero importanti: “Tempo fa proposi che il punteggio del Mondiale fosse senza riduzione, ovvero a punteggio pieno, ora chi vincer otterr circa 2000 punti. Quello che per ho voluto sottolineare agli atleti che questo evento non sar decisivo, il percorso verso i Cinque Cerchi ancora lungo: so che difficile, ma spero che tutti possano vivere serenamente questa competizione sapendo che avranno ancora molte carte da giocare”. E proprio in chiave olimpica le novit non sono finite: “ stato deciso che gli atleti giapponesi non potranno partecipare al futuro Torneo di Qualificazione di Parigi, essendoci gi un posto assegnato di diritto all’atleta del Paese ospitante i Giochi, ci sembrato giusto non togliere la possibilit ad altre Nazioni”. Presenti all’evento spagnolo anche due membri del CIO: Sergey Bubka, Presidente della Commissione Entourage Atleti, e Nadin Dawani, ex atleta di taekwondo membro della Commissione Atleti. “Parteciperanno alle nostre riunioni ed assisteranno alle gare, questo per noi un segno importante”.

Da sinistra: il segretario generale WKF Toshi Nagura, il presidente WKF Antonio Espinos e Davide Benetello

Da sinistra: il segretario generale WKF Toshi Nagura, il presidente WKF Antonio Espinos e Davide Benetello

COMMISIONE ATLETI– Decisioni prese dopo aver valutato attentamente le richieste degli agonisti tramite la Commissione Atleti di cui Benetello Presidente: “Questo comitato stato creato proprio per essere un tramite tra gli atleti e la Federazione, tutelando i primi. A Madrid avverranno delle nuove elezioni, ogni due anni escono due membri e ne entrano altrettanti: a votare saranno i partecipanti alla rassegna iridata. I candidati sono saliti a nove, il che significa che abbiamo lavorato bene e l’interesse continua a crescere”. Commissione in cui Davide crede molto, tanto da essere entrato a fare parte anche della Commissione per la Dichiarazione degli Atleti del CIO che, a Buenos Aires durante i Giochi Giovanili, ha fatto approvare la Carta dei Diritti degli Atleti.

PARA KARATE – Come gi da anni, in concomitanza si svolgeranno i Campionati Mondiali di Para-Karate: “Le iscrizioni sono aumentate di molto e ne siamo felici. Per il riconoscimento Paralimpico necessario avere 32 Nazioni partecipanti e noi le abbiamo raggiunte senza problemi: il processo sar ancora lungo, ma abbiamo sicuramente dimostrato che il para-karate una parte importante ed praticato in tutto il Mondo”.

ITALIA – Saranno 22 gli azzurri in gara divisi tra le due specialit (kata e kumite) delle competizioni individuali e a squadre: “La formazione seniores ormai rodata, ma ci sono tre innesti civili che non rientrano in Gruppi Sportivi nel team maschile di kumite, significa che anche i club stanno portando avanti un ottimo lavoro. L’attivit internazionale del nostro Paese non ha rivali, i nostri atleti partecipano sempre numerosi e questo riconosciuto da tutte le Nazioni: molto spesso abbiamo assistito a seconde linee che creano problemi agli atleti di punta stranieri, noi abbiamo una scuderia forte. Il clima generale positivo e io sono pi che fiducioso”.


https://www.gazzetta.it/rss/home.xml

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi