Il grande volo del falco cuculo: da Parma all’Africa in 72 ore


Il grande volo del falco cuculo: da Parma all’Africa in 72 ore – Corriere.it

























desktop

includes2013/SSI/notification/global.json

/includes2013/SSI/utility/ajax_ssi_loader.shtml


Il grande volo del falco cuculo: da Parma all’Africa in 72 ore

  • Pesa solo un etto e mezzo, ma ha la potenza di un Jumbo. In tre soli giorni di viaggio, un individuo maschio adulto di falco cuculo partito dalla bassa parmense ed arrivato al confine tra Mali e Niger. E il viaggio continua. Gli esperti ne seguono il volo sul web, che fornisce loro tutte le coordinate degli spostamenti (foto Cristina Giosele/ Lipu)

  • Apollo (questo il nome del falchetto) partito il 27 settembre, alle 13, da un’area agricola adiacente alla Riserva naturale Torrile e Trecasali, a pochi chilometri da Parma; ha sorvolato il mar Tirreno, la Corsica e la Sardegna per planare in Tunisia il giorno seguente alle ore 19 e poi volare a sud del Sahara e giungere, il 29 settembre, al confine tra Mali e Niger. Il rapace ora segnalato in Nigeria e si pensa possa proseguire, nei prossimi giorni fino a Sud dell’equatore, forse in Namibia (foto Cristina Giosele/ Lipu)

  • Il viaggio stato documentato grazie a un trasmettitore satellitare posizionato sul dorso al fine di verificarne proprio la rotta di migrazione. L’operazione stata effettuata nell’ambito del progetto Life “Conservation of Falco vespertinus in the Carpathian Basin”, portato avanti dal partner di BirdLife International Mme BirdLife Ungheria, affiancato, nel caso del falchetto parmense, dallo staff e dai volontari della Lipu BirdLife Italia e Lipu di Parma (foto Cristina Giosele/ Lipu)

  • Il falco stato catturato e inanellato nella bassa parmense dallo staff di esperti italo-ungherese lo scorso 16 luglio, ed rimasto in zona oltre due mesi, cibandosi di insetti e arvicole, i suoi alimenti preferiti. Il falco cuculo si insediato nella bassa parmense circa 20 anni fa, area che costituisce un habitat ideale per la specie. Il falco ha evitato le aree pi a rischio bracconaggio, come Malta e il Libano – spiega Marco Gustin, responsabile specie e ricerca Lipu – Siamo molto soddisfatti di questa operazione, che ci permette di osservare la migrazione di una specie che a tutt’oggi in Lista rossa e che in Italia rara come nidificante (foto Cristina Giosele/ Lipu)

  • Il falco cuculo nidifica principalmente nell’Est europeo ma anche in alcune zone del Nord Italia: oltre all’ Emilia, anche in alcuni siti in Veneto e Lombardia. Per migrare attraversa il mar Mediterraneo in pi punti (Italia, Grecia, Turchia, Medio Oriente) per poi giungere in Africa e proseguire il suo lungo viaggio ben oltre il deserto del Sahara e arrivando nell’emisfero australe (foto Cristina Giosele/ Lipu)

  • (foto Cristina Giosele/ Lipu)

  • (foto Cristina Giosele/ Lipu)

  • (foto Cristina Giosele/ Lipu)

  • (foto Cristina Giosele/ Lipu)

  • (foto Cristina Giosele/ Lipu)






































http://xml2.corriereobjects.it/rss/animali.xml

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi