Festival dello Sport, la Ducati si racconta. Dall’Igna: “Orgoglioso di questi anni”


 Luigi Dall'Igna, direttore generale di Ducati . LaPresse

Luigi Dall’Igna, direttore generale di Ducati . LaPresse

Anche la Ducati si raccontata al Festival dello Sport. Ed stato un racconto guardando le cose dall’alto, cercando di ripercorrere non solo questa stagione esaltante eppure destinata a finire diversamente da quel che si sperava, ma andando anche a rivivere la crescita degli ultimi anni. In sala, davanti ad almeno un centinaio di appassionati, Gigi Dall’Igna e Michele Pirro, in una sorta di talk show condotto da Paolo Ianieri e a cui ha partecipato Alberto Federici, responsabile comunicazione di Unipol, uno degli sponsor principali della rossa. Bella chiacchierata, con Dall’Igna che riguardando la doppietta di Zeltweg 2016 (1 Andrea Iannone, 2 Andrea Dovizioso) ha detto: “Mi vengono ancora le lacrime”. E Pirro che raccontando del processo di crescita ha rivelato: “Io sono in Ducati da prima di Gigi, e posso dire che quando arrivato da noi stato come se fosse arrivata la Madonna”. Nel senso che con lui che cominciata la svolta. Lui, Dall’Igna, ha glissato, ma ha riconosciuto: “Mi sento orgoglioso di tutto quello che siamo stati capaci di fare in questi anni in Ducati. Sentire il calore che ci trasmettono i tifosi veramente bellissimo”.

futuro
Andrea Dovizioso e il titolare del 2019 Danilo Petrucci sono intervenuti con video registrati. E cos, oltre che del campionato in corso e alle speranze quantomeno di ritardare il pi possibile i festeggiamenti di Marc Marquez e della Honda, si inevitabilmente parlato delle aspirazioni e delle speranze per il prossimo Mondiale. Da affrontare con una coppia tutta italiana. Da una parte delle aspettative e dall’altra delle minacce che arrivano dalla stessa Honda che con Marquez schierer l’attuale ducatista Jorge Lorenzo. Ma la Ducati, come leggerete sulla Gazzetta di domani, non ha paura.


Dal nostro inviato  Mario Salvini  

© riproduzione riservata


https://www.gazzetta.it/rss/home.xml

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi