Da Bianca Berlinguer scene da falò che ricordano «Temptation»


Il teatrino tra Bianca Berlinguer e Mauro Corona ormai uno sketch fisso di #cartabianca (Rai3, marted, ore 21,15). Credo sia nato sul modello di Casa Vianello e di La Bella e la Bestia: pura finzione, tra sitcom e favola. Poi per in tv esiste anche la contaminazione ambientale e ben presto, il teatrino si trasformato, per slittamento di genere, nel fal di chiarimento di Temptation Island (per nobilitare il tutto, potremmo dire che anche in tv esistono programmi paralleli, riscritture involontarie come se Giorgio Manganelli ci spiegasse che tutti i programmi sono, allo stesso tempo, infinitamente aperti e infinitamente chiusi). L’altra sera a #cartabianca successo di tutto: sulla commemorazione del Vajont Bianca e Bernie di Erto hanno rischiato la rottura in diretta.

L’alpinista che scrive sosteneva che i libri di storia parlano ancora della catastrofe del Vajont come un evento naturale e, forse insoddisfatto del poco tempo concessogli in video, cominciava a insultare i dirigenti Rai chiamandoli conigli. Bianca avrebbe potuto rispondergli che nel 1997, in prima serata su Rai2, andato in onda il commovente Il racconto del Vajont di Marco Paolini e da allora nessun pi osa parlare di fatalit. Era una scena da fal, quando davanti al fuoco crepitante un Sossio e una Ursula se ne dicono di tutti i colori, scoprendo che il loro non era amore ma solo un calesse.

Poi sul tronco del fal (in tv nulla innocente) si sono seduti la viceministra Laura Castelli (tipica concorrente da reality, l’Alessandra Moretti dei grillini) e Alan Friedman, e di nuovo la temperatura si riscaldata. Finita l? Manco per sogno. Poco dopo sono entrati in scena Vittorio Sgarbi e Mario Giordano: altro fal. Questi incendi avvengono per caso? No, il meccanismo identico a quello di Temptation Island, il programma parallelo.

10 ottobre 2018 (modifica il 10 ottobre 2018 | 20:10)

© RIPRODUZIONE RISERVATA





http://xml2.corriereobjects.it/rss/spettacoli.xml

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi