ugg skylair LETTERATITUDINE di Massimo Maugeri Blog Archive QUANDO LA LETTERATURA PRENDE CORPO

ugg scarf LETTERATITUDINE di Massimo Maugeri Blog Archive QUANDO LA LETTERATURA PRENDE CORPO

DACIA MARAINI con “Tre donne” (Rizzoli) e MICHELE ROSSI (direttore editoriale narrativa italiana Rizzoli) per “Con molta cura” di SEVERINO CESARI in radio a LETTERATITUDINELa libertà individuale, anche di espressione, trova argini nel rispetto altrui. Commenti fuori argomento, o considerati offensivi o irrispettosi nei confronti di persone e opinioni potrebbero essere tagliati, modificati o rimossi. Nell’eventualità siete pregati di non prendervela. Secondi Lo Stato Sociale, terza Annalisa Alberto Mattioli (La Stampa) su SANREMO TRA I LIBRIFestival di Sanremo, la diretta della prima serata. Fiorello grande mattatore (La Stampa) alice castagneri e roberto pavanello su SANREMO TRA I LIBRIFestival di Sanremo, la diretta della prima serata. Fiorello grande mattatore (La Stampa) alice castagneri e roberto pavanello su SANREMO TRA I LIBRIFestival di Sanremo, la diretta della prima serata. Fiorello grande mattatore (La Stampa) alice castagneri e roberto pavanello su SANREMO TRA I LIBRISANREMO 2018 su SANREMO TRA I LIBRIanna maria er su 27 GENNAIO: GIORNO DELLA MEMORIAGIORNO DELLA MEMORIA 2018 su 27 GENNAIO: GIORNO DELLA MEMORIAFra Fuori dal grigio su PRESENTAZIONI DI LIBRI ED EVENTI

Che rapporto c’è tra “corpo” e letteratura?

Pensando alla letteratura del passato (italiana e internazionale). in quali opere il corpo, la “fisicità”, diventano elementi caratterizzanti delle opere medesime?

E nell’ambito della letteratura contemporanea?

Quale romanzo scegliereste come testo rappresentativo del rapporto “corpo/letteratura”? E perché?

Pongo queste domande prendendo spunto da un testo inviatomi dalla scrittrice Barbara Gozzi: i corpi nella letteratura italiana contemporanea. Un testo che sintetizza un progetto (maggiori dettagli qui e qui).

Avremo modo di parlarne con Barbara, che ci spiegherà meglio come è nato il progetto e quali sono gli obiettivi.

Intanto,
ugg skylair LETTERATITUDINE di Massimo Maugeri Blog Archive QUANDO LA LETTERATURA PRENDE CORPO
vi invito se ne avete voglia a provare a rispondere alle domande di apertura del post.

Di seguito, il testo di Barbara Gozzi.

Leggo, studio, scrivo, analizzo, confronto, ascolto, sostanzialmente seguo e lavoro entro letteratura, editoria e storie ormai da diversi anni entro tempistiche differenti, parallele ma parzialmente sfasate da crescita, opportunità e ritmi.

A inizio 2009 ho avvertito una sorta di ‘smarrimento’. Da alcuni anni concentro il lavoro verso libri e scritture recenti, di autori italiani contemporanei. Eppure qualcosa mi sfuggiva.
ugg skylair LETTERATITUDINE di Massimo Maugeri Blog Archive QUANDO LA LETTERATURA PRENDE CORPO

ugg classic mini Look cozy Natale 2014

ugg erin Look cozy Natale 2014

Con il Natale alle porte si cerca sempre di indossare qualcosa di brillante per essere vestite a festa. E se la soluzione fosse pi A volte, proprio perch si passa tutto il resto dell con completi formali obbligati dal rigido dress code dell si ha voglia di optare per qualcosa di pi morbido. Mettiamo, dunque, al bando gli abiti dorati e gli accessori da gran gala per scegliere vestiti pi comodi e pratici.

Questa settimana, infatti, vogliamo proporvi di look cozy per Natale. In pratica, abbiamo realizzato degli outfit morbidi, comodi e pratici e anche molto caldi e, ovviamente,
ugg classic mini Look cozy Natale 2014
a tema. Per chi trascorrer le vacanze natalizie a casa, magari insieme a tutta la famiglia o gli amici dinanzi un caminetto, questo sicuramente il mood pi giusto.

Per realizzarlo abbiamo scelto dei maglioni natalizi, dei pantaloni lunghi, che possono essere leggings caldi o dei semplicissimi jeans, e qualche accessorio per essere sempre fashion. Ecco a voi i nostri look cozy il per il Natale 2014!

Primo Look Questo lo abbiamo realizzato con una maglia a maniche lunghe con base bluette e ornamenti stile albero di Natale. Abbiamo aggiunto un jeans e qualche dettaglio per risplendere. Ai piedi invece vi abbiamo lasciato libera scelta, dunque scegliete tra stivali o sneakers, come pi preferite:

Maglione con trama natalizia di H Jeans arrotolato di Jake

Borsello di Moschino

Orecchini con fiocchi di neve di Asos

Shampoo e doccia gel di Peppermint

Set si smalti glitter di Jin

Candela di Yankee Candle

Secondo look Anche questo molto casalingo ma con il quale ci si pu anche uscire. Qui troviamo un maxi pull natalizio con le renne,
ugg classic mini Look cozy Natale 2014
un pantalone elasticizzato e dei caldissimi stivaletti. Ecco come lo abbiamo realizzato:

ugg sito italiano Lisa Fusco Pomeriggio 5

ugg originali Lisa Fusco Pomeriggio 5

E dice alla presentatrice: “Sto bene, grazie per avermi invitata, sai che ti adoro, non ho voluto parlare con nessuno, vedevo questi fotomontaggi su Internet e pensavo ‘perché fanno queste cose?’, e poi le cattiverie sui social. non ho risposto a nessuno perché la crudeltà non va commentata, dicevano che ho fatto finta ma se volevo farla finta dovevo studiare recitazione in una scuola buona, andate in ospedale e vedete se ho pagato i medici. Sono andata subito all’ospedale, non mi sentivo più il braccio, mi dicevano ‘sicura di voler fare le lastre? per noi non c’è niente’ ma poi mi hanno detto che mi dovevo ingessare, il 2 metterò il gesso”.

La conduttrice saluta più volte Arianna Ciampoli e mostra il referto medico. E la soubrettina sottolinea: “Mi sono ingessata il braccio sinistro ma per il pubblico mi dovevo ingessare l’altro”. Quindi spiega perché ha fatto la spaccata su Rai1: “La volevo dedicare a Barbara d’Urso ma il tacco della scarpa cinese mi ha deviato e sbilanciato e sono finita in avanti”. Replica della d’Urso: “Sono caduta anche io oggi così abbiamo fatto ambo. E capisco la gente che pensa che tu l’abbia fatto apposta. ci può stare”.
ugg sito italiano Lisa Fusco Pomeriggio 5

ugg originali prezzo Lo sfruttamento mondiale dei minori

modelli ugg Lo sfruttamento mondiale dei minori

Duecento milioni di bambini prigionieri del lavoro

Dal 27 al 30 ottobre 1997 si svolge ad Oslo la prima conferenza internazionale contro il lavoro minorile. Nel mondo lavorano 200 milioni di bambini come schiavi. Un’esperienza toccante portata a scuola con le pagine di un giornale. Ecco cosa hanno scritto i bambini.

Avevamo programmato di trattare un testo descrittivo riguardante un animale. Ogni luned con le mie due classi di quinta elementare, lavoriamo per la produzione di testi scritti. Ma l’occhio caduto sulla foto di copertina di un giornale: un bimbo sudamericano addormentato su palloni che cuciva in fabbrica e un grande titolo “Stiamo lavorando per voi”. Poich avevamo esaminato la Dichiarazione universale dei diritti del fanciullo. al diavolo il testo descrittivo! Ho portato il giornale a scuola e ho colto l’occasione per leggere la storia di Suri, piccola tessitrice di tappeti del Nepal. Silenzio di tomba, grande attenzione. Arriviamo ad approfondire meglio il discorso sul lavoro minorile e in pochi giorni decidiamo di scrivere in classe un testo, riassumendo le notizie principali e inserendo alcune considerazioni personali. E questi sono alcuni dei risultati.

“La maestra questa mattina ci ha raccontato che nei continenti Asia, Africa e America centro meridionale ci sono bambini che lavorano. Questi, producono nella fabbriche palloni, cappelli, indumenti intimi, ecc. Ci ha raccontato anche che a Novo Hamburgo, in Brasile, una bambina di nome Janete ha raccontato la sua storia. Lei aveva dieci anni quando entrata in un calzaturificio. Ora ha quattordici anni e ha praticamente le mucose distrutte. Questo perch per fabbricare scarpe respirava mastice e solventi. Cos l’ha curata un medico, ma non si sa ancora se sta bene. Tri, un’altra bambina di Jakarta in Indonesia, confezionava scarpe sportive; queste a Parigi costano 112 mila, per i bambini come Tri ricevono solo 350 lire all’ora. Se Tri si volesse comprare le scarpe che lei fabbrica dovrebbe lavorare sette settimane. Poi per non avrebbe pi nulla. Come si vestirebbe? Come mangerebbe? Come capiamo non lo pu fare. La maestra ci ha raccontato che non solo in questi poveri continenti ma anche in Italia possiamo trovare minorenni che lavorano. A Gravina di Puglia stata scoperta una fabbrica dove lavoravano i bambini, producono biancheria intima da uomo; questi bambini ricevono solo duecentomila lire al mese. A Lizzanello, in provincia di Lecce, c’erano minorenni che fabbricavano scarpe. Questi bambini per lavoravano in una stalla, ricevendo cinquecentomila lire al mese. Ancora, a Reggio Calabria quindicimila bambini sotto i quattordici anni lavoravano facendo gli agricoltori. L’Unicef sostiene che circa 200 milioni di bambini lavorano nel sud del mondo. Ad Oslo, capitale della Norvegia, oggi inizia una conferenza internazionale contro il lavoro minorile. Spero che questa conferenza far giustizia ai bambini, perch tutti sono uguali,
ugg originali prezzo Lo sfruttamento mondiale dei minori
tutti hanno gli stessi diritti, senza distinzioni di razza o sesso. Spero che tutti i genitori facciano dedicare i bambini all’istruzione e non al lavoro.””La multinazionale, cio un gruppo di persone molto ricche, investe dei soldi in una fabbrica di un paese povero, compra le scarpe a 26 mila e 400 lire e poi le vende ai grossisti a 56 mila lire che poi le vendono a noi a 112 mila lire. Per fortuna ad Oslo, la capitale della Norvegia, da oggi fino al 30 ottobre si terr una conferenza internazionale per i diritti del bambino e si spera che si riesca a far capire che anche il bambino ha il diritto di avere un’infanzia felice e bella per poi avere una vita migliore da grande. Questi bambini vengono ridotti in schiavit La maggior parte del guadagno di una famiglia fatta dai figli che lavorano in queste fabbriche e vengono costretti a lavorare senza soste. Io penso che il lavoro minorile non sia una cosa bella e spero che finisca subito.””Secondo me il bambino a diritto all’uguaglianza, al tempo libero, all’istruzione, senza che venga sfruttato o allontanato da tutti, perch tutti siamo figli di. DIO!””Tri, una bambina indonesiana, lavora in una fabbrica di scarpe e costruisce le suole per scarpe sportive. Il proprietario vende quelle scarpe a sole 26 mila e 400 lire. Poi quelle scarpe vengono vendute a 56 mila lire. Quelle scarpe vengono vendute infine a noi a 112 mila lire. Tri riceve all’ora 350 lire e per comprare queste scarpe dovrebbe lavorare per sette settimane.””Quindi, come abbiamo potuto vedere, nel mondo c’ molto sfruttamento di bambini. Secondo me la vita che stanno svolgendo questi bimbi ingiusta, perch loro hanno il diritto di andare a scuola come noi!! E quando penso a quasi poveri bambini che non possono andare a scuola, mi dico di impegnarmi al massimo, anche per quei bambini. I padroni li picchiano al minimo errore e, andandosene, chiudono la porta a chiave per evitare che scappino. Un bambino di questi ha raccontato: “Spesso capita che ci tagliamo con i coltelli che usiamo per lavorare. Allora il padrone ci riempie la ferita di zolfo e gli d fuoco. Il dolore terribile ma la ferita smette di sanguinare e possiamo continuare a lavorare senza sporcare i tappeti di di sangue.”

(Fonte: AIFO, DOSSIER Amici dei lebbrosi, ottobre 1997)

Il 16 aprile 1995 in Pakistan fu assassinato all’et di 12 anni Iqbal Masih poich aveva avuto il coraggio di raccontare al mondo la drammatica condizione di tanti bambini in schiavit come lui. L’Unicef ha proposto che il 16 aprile venga ricordato ogni anno in tutto il mondo come giorno simbolo della lotta contro lo sfruttamento del lavoro minorile.

Il comitato italiano per l’UNICEF nel 1996, in occasione del 50′ anniversario del fondo delle Nazioni Unite per l’infanzia, ha lanciato la proposta di donare un’ora del proprio lavoro per destinare i soldi raccolti in favore di tre paesi asiatici (Bangladesh,
ugg originali prezzo Lo sfruttamento mondiale dei minori
Nepal, Pakistan) in cui il problema del lavoro minorile molto grave. La somma raccolta stata di 2 miliardi e 800 milioni.

calzature ugg libera la donna che sventol il velo in segno di protesta e divenne simbolo

ugg bag libera la donna che sventol il velo in segno di protesta e divenne simbolo

Teheran La donna simbolo della rivolta di Capodanno a Teheran stata liberata. Durante i giorni pi tesi delle proteste si era tolta il foulard bianco e lo aveva sventolato

in segno di sfida al regime degli Ayatollah e alle leggi islamiche che impongono alle donne di coprirsi il capo e i capelli in pubblico. Il suo nome non stato rivelato, ma secondo alcuni attivisti una trentunenne di Teheran, sposata con due figli. Il suo gesto era stato poi ripetuto da altre tre giovani e i video erano diventati virali sul Web, alimentando le proteste. Le autorit non hanno rilasciato commenti.

L per i diritti umani Nasrin Sotoudeh ha detto di aver visto un dossier ufficiale, che prevede la scarcerazione della giovane. Togliersi il velo in pubblico considerato un reato nella Repubblica islamica, e pu portare a una condanna detentiva. Sotto la presidenza di Hassan Rohani, per l delle norme sull stata ammorbidita. La liberazione della donna pu essere considerato un gesto di distensione nei confronti dell in particolari dei giovani delle citt sempre pi insofferenti con le regole religiosi tradizionali.
calzature ugg libera la donna che sventol il velo in segno di protesta e divenne simbolo

scarpe australiane ugg Lorena Bianchetti non è raccomandata

outlet stivali ugg Lorena Bianchetti non è raccomandata

Lorena Bianchetti torna alla conduzione di A sua immagine a partire da sabato 1 febbraio. Questo ritorno è l’occasione per un’intervista al settimanale Vero, in cui parla di lavoro, ma anche di vita privata, e soprattutto è l’occasione per togliersi qualche sassolino dalla scarpa e rispondere a chi la critica. Prima di tutto Lorena ci tiene a sottolineare di non essere ‘raccomandata’ dal Vaticano, come a volte è stato detto dai maligni:

Non posso che sorridere. Se mi chiamano a condurre eventi o trasmissioni legate alla chiesa è solo perché apprezzano la mia professionalità e la mia serietà. Magari fossi raccomandata,
scarpe australiane ugg Lorena Bianchetti non è raccomandata
avrei avuto strade più spianate.

Io ho avuto un rimborso spese di 700 euro lordi al giorno che ho devoluto a quelle popolazioni. stata una scelta naturale perché sin dai miei esordi ho aiutato i bambini orfani. Non voglio farmi pubblicità, ma sono 23 anni che lo faccio e non l’ho mai detto.

Passando a parlare della vita privata, la conduttrice conferma poi di avere un amore francese:

Sì, sono felicemente fidanzata con Mathieu Cassinis. Lui è francese, ha 41 anni. Ma non mi piace ostentare i sentimenti,
scarpe australiane ugg Lorena Bianchetti non è raccomandata
pertanto quello che ti posso dire è che va tutto bene e spero continui sempre così.

ugg boots clearance Lisa Marie Presley si toglie un po

genuine ugg boots Lisa Marie Presley si toglie un po

Lisa Marie Presley, che si sta avvicinando ai 45 anni (li compirà il 1 febbraio), intervistata dal mensile Amica per il numero di Gennaio, si toglie qualche sassolino dalle scarpe, lanciando i suoi strali, in maniera neanche troppo velata, contro Scientology e i suoi primi tre mariti.

Ricordiamo, per chi se lo fosse perso, che ora la Presley, figlia dell’indimenticato Elvis, è al matrimonio numero 4, con il produttore musicale Michael Lockwood, da cui ha avuto 4 anni fa due gemelle. Lisa Marie ha anche due figli più grandi: Riley e Ben, rispettivamente 23 e 20 anni nati dal primo matrimonio, con Danny Keough.

Tanto per iniziare, la cantante se la prende con i falsi amici che l’hanno accompagnata per anni, quando viveva a Los Angeles (ora, col marito e i figli, vive in Inghilterra):

“Ovunque ci siano denaro, fama e potere, c’è gente pronta a calpestarti. Io ci sono nata nel denaro, nella fama e nel potere. Sono stata circondata, per anni, da persone che si fingevano amici. Invece erano solo approfittatori,
ugg boots clearance Lisa Marie Presley si toglie un po
e ancora oggi non mostrano segni di pentimento. Se io avessi fatto del male a qualcuno, sarei tormentata dal senso di colpa. Loro no. Se ne vanno in giro tronfi, come se niente fosse”. Ma con chi ce l’avrà mai Lisa Marie? Forse con Scentology, come le chiede la giornalista di Amica?

“Non parlo della mia religione e non posso fare nomi. Mi creda, vorrei tanto farli, ma poi finirei nei pasticci. E, in questo momento, non ho bisogno di guai: sono in pace, voglio godermi il tour, i figli, il marito. Volevo ricominciare da capo: ho ribaltato la mia vita. Mi sono liberata dalle ‘sanguisughe’ e, con la famiglia, mi sono trasferita nel Kent, in Inghilterra, lontana dalle ipocrisie di Los Angeles. in un ambiente del genere che mio marito e io vogliamo crescere Harper Vivienne Ann e Finley Aaron Love, le nostre gemelline”.

Quello con Lockwood è un matrimonio felice, soprattutto se paragonato ai suoi tre precedenti:

“Con Michael stiamo insieme da nove anni, sposati da sei. Siamo molto compatibili. Ma devo dire la verità: non l’avrei apprezzato così tanto, se non avessi vissuto determinate esperienze negative nel mio passato”.

Starà forse parlando dei suoi precedenti matrimoni, con Danny Keough, Michael Jackson e Nicolas Cage?

“Anche, ma quello è un altro argomento che non voglio toccare. Dico solo che persino le brutture della mia vita servono. Io comunque, della mia, non cambierei niente”.
ugg boots clearance Lisa Marie Presley si toglie un po

ugg waterproof spray Lele Mora contro Francesco Arca

stivali ugg rosa Lele Mora contro Francesco Arca

E’ un fiume in piena, Lele Mora. L’ex agente dei vip si toglie qualche sassolino dalla scarpa contro qualche suo ex assistito. In particolare, l’obiettivo dell’ormai ex manager è Francesco Arca che, da Uomini e Donne, ha spiccato il volo diventando negli anni uno dei giovani artisti più richiesti nelle fiction made in Italy (Fonte Il Venerdì di Repubblica):

Colpa anche mia. Li ho rovinati. Gli ho fatto avere troppo, troppi soldi, troppo successo. Si sono montati la testa,
ugg waterproof spray Lele Mora contro Francesco Arca
non mi hanno più ascoltato, si sono sentiti onnipotenti. Il peggiore? Francesco Arca. Ora si crede attore, ma per fare l’attore, il grande attore, serve la gavetta, che lui non ha fatto. Mi diceva: “Sei mio padre, io per te farei tutto.” è stato uno dei primi ad andarsene.

L’amore non è mai uno sbaglio. L’amore è una scelta. Simona Ventura mi diede un aut aut: o me o la persona che ami. Per motivi che qui non sto a dire lei si sentiva minacciata da questa persona. Io ho scelto l’amore. E così ho perso una delle mie migliori artiste,
ugg waterproof spray Lele Mora contro Francesco Arca
di sicuro quella che mi faceva guadagnare di più. Ma non rimpiango la scelta.

kids ugg lo shopping di Stephan Kaefer e Barbara Snellenburg

ugg bambini lo shopping di Stephan Kaefer e Barbara Snellenburg

Le Ruco Line sono le sneakers più amate dell’estate 2013! Non solo i volti noti della televisione italiana si sono lasciati contagiare, ma la febbre Ruco Line è arrivata anche oltre confine: l’attore tedesco Stephan Kaefer, conosciuto al pubblico italiano per la sua partecipazione alle fiction Il peccato e la vergogna 2 e Squadra speciale Stoccarda si è concesso una mattinata di relax facendo shopping nella boutique di Ruco Line di Milano in via Della Spiga.

Anche la bellissima attrice olandese Barbara Snellenburg, che negli anni ’90 ci ha fatto sognare con Raul Bova in Piccolo Grande Amore, si è lasciata tentare dal modello Ariel 2205 Soft Speed Verde.

Manuel Casella è stato avvistato nel quadrilatero della moda milanese mentre si concedeva una mattinata di shopping presso la boutique Ruco Line e ha scelto il modello Charlie 8405 Strenna Double Asfalto, la scarpa basket in tela con riporti in camoscio e suola a cassetta in gomma.

Anche Beppe Convertini ha scelto un modello Ruco Line, le Eric 8209 Nabuk Moose bianche, una scarpa sportiva allacciata in pelle con profilo in rifrangente.

Dopo Claudia Oddo e Cristina De Pin anche la bella Paola Bonera si è innamorata delle scarpe Ruco Line, durante un pomeriggio di shopping, la moglie del difensore del Milan Daniele Bonera, si è fermata nella boutique monomarca di Via della Spiga in compagnia dell’amica Laura Sordo. Dopo un po’ di indecisione tra i tanti bellissimi modelli la scelta finale di Paola è caduta sul modello Ariel 2205 Soft Speed verde.

Nel negozio Ruco Line di Piazza Rucellai a Firenze, Michela Quattrociocche, moglie di Alberto Aquilani e la moglie del capitano Massimo Ambrosini, Paola hanno fatto shopping provando diversi modelli della collezione Ruco Line primavera estate 2013.

Michela ha optato per le glamour Thelma 2501 Rock tessil in nero, eleganti sneakers in tela con applicazione di borchie coniche e zeppa interna. Per Paola invece il modello stile futuristico Ariel 2206 con profili in pelle laminata.
kids ugg lo shopping di Stephan Kaefer e Barbara Snellenburg

quicksilver ugg boots Libera TV

ugg rivenditori italia Libera TV

Due anni fa era a Sigirino a cerimoniare alla galleria Alptransit del Ceneri. Ora è agli arresti domiciliari. L’ingegner Duccio Astaldi, numero uno della Condotti Cossi, indagato per tangenti in Sicilia. Ma Fabio Regazzi aveva avvertito il Consiglio federale. Campa cavallo.Nel maggio dell’anno scorso, il consigliere nazionale Fabio Regazzi, sempre molto attento ai grandi appalti, e alle imprese dalla reputazione non proprio cristallina, aveva presentato un’interpellanza al Governo federale dal titolo “Infiltrazioni mafiose negli appalti pubblici. Quali misure concrete per contrastare il fenomeno?””Rimborsopoli”: il Gran Consiglio chiude politicamente il caso. Tutti i gruppi concordi: ministri onesti, no alla Commissione parlamentare d’inchiesta. Ma il grande accusatore Pronzini: “Siete come i musicisti sul Titanic”Il Parlamento si è chinato oggi sul caso che ha infiammato il dibattito politico nelle ultime settimane. Ecco la relazione del presidente della Sottocomissione finanze Fabio Bacchetta Cattori e la cronaca del dibattito. Pinoja: “Il Governo non riceverà l’ISO 9’000, è vero, ma nessuno ha rubato”Dalla danza al podio di Miss Svizzera, Michela Russo si racconta a 360 gradi: “Sogno di emulare la carriera di Michelle Hunziker e di lavorare nel mondo dello spettacolo. Ma prima la laurea in psicologia”Intervista alla 22enne di Riva San Vitale giunta sul podio al concorso di bellezza più ambito: “L’insegnamento più importante che porto con me è quello di accettare qualsiasi risultato se sei certa di aver dato tutto. Perché quando metti tutta te stessa in un’esperienza, in qualche modo hai già vinto”Archiviato con successo il “Beef Festival”, l’Atenaeo del Vino di Mendrisio guarda alla primavera. Mirko Rainer: “Piatti improntati alla salute, alla stagionalità. E in attesa della Pasqua i primi capretti nostrani””Sono andate alla grande soprattutto le costate di manzo a lunga frollatura spiega Rainer . Dall’anno scorso abbiamo in dotazione il frigo Dry Ager Beef, che ci permette di fare la frollatura in casa fino a 14/15 settimane. Il resto lo fa la cottura alla brace con il Big Green Egg”, il forno di cui è testimonialPane e vino Archiviato con successo il “Beef Festival”, l’Atenaeo del Vino di Mendrisio guarda alla primavera. Mirko Rainer: “Piatti improntati alla salute, alla stagionalità. E in attesa della Pasqua i primi capretti nostrani” Ecco ailSolar Cloud: il fotovoltaico “chiavi in mano” che permette di ottimizzare produzione e consumo di energia solare Un altro anno d’oro per BancaStato. Il bilancio 2017 parla di “redditività, efficienza e solidità”. Indicatori di salute in aumento, e cresce la distribuzione al Cantone, che supera i 36 milioni di franchi Golden Wings Club Fondazione HC Lugano Academy: la tradizionale cena di gala porta 70’000 franchi per la sezione giovanile Rocco (Cattaneo) e Michele (Gilardi) s’incontrano ad Avegno. E nasce il Centro Valle. L’imprenditore: “Ho detto: facciamo uno studio per capire se l’operazione sta in piedi. Ma poi ho pensato che gli studi li fanno i politici quando non sanno decidere”CS News Credit Suisse pubblica lo studio sul mercato immobiliare svizzero 2018: incoraggianti segnali di ripresa su più fronti. L’ampia e vivace ripresa economica stimolerà la domanda in tutti i segmenti Anche le aziende svizzere dovranno adattarsi al nuovo regolamento europeo sulla protezione dei dati. Più diritti per i cittadini, ma non solo. La Camera di commercio organizza una mattinata informativaPane e vino Una passione che dura da 22 anni. Bruno D’Addazio racconta la fine dell’inverno al Lungolago di Locarno. Prepara la Festa della donna e concorda con il ‘suo’ presidente, Massimo Suter: “Ha ragione. In un ristorante il cliente va coccolato”Polizia, è ora di cambiare registro. Dopo le ultime ‘gabole’ il sindaco di Vernate lancia il sasso: “Siamo ancora nell’Ottocento. Basta con le polizie locali”. Ecco i numeri delle comunali: 17 poli, con altrettanti comandanti e 20 ufficiali, e 470 agenti contro i 700 della Cantonale.Giovanni Cossi: “Da sindaco mi si consenta di dire che molti sono gli interrogativi in fatto di efficienza e di efficacia che constato nelle loro attività. Molte sono le perplessità relative ai rapporti tra questi gruppi di polizia locale e i loro Comuni di riferimento e per benevolenza ometto di elencare le criticità emerse in questi ultimi due anni. I danni di immagine e di credibilità che queste criticità hanno creato sono incalcolabili”Dadò ad alzo zero su “Rimborsopoli”. I due stipendi extra all’ex cancelliere Gianella che già percepiva la pensione, i controlli sui pagamenti del DFE. “La gente è perplessa. E le colpe saranno delle donne delle pulizie?”L’editoriale del presidente del PPD su Popolo e Libertà: “Il versamento dei due salari extra all’ex cancelliere che già percepiva la pensione è allarmante, in quanto parrebbe che è bastata la sollecitazione di quest’ultimo per far spalancare il forziere, senza una puntuale verifica da parte di nessuno”
quicksilver ugg boots Libera TV