Braccio di ferro a Bruxelles per i fondi regionali Ue nel budget post 2020



Città e Regioni vogliono evitare la gestione centralizzata, preferita invece dalla Commissione Ue . Per i fondi 2014-2020 l’Italia rischia di non essere pronta alla verifica del 31 dicembre. L’ipotesi di ridurre il cofinanziamento nazionale: l’Italia così distoglierebbe 4 miliardi dai programmi regionali



http://xml2.corriereobjects.it/rss/economia.xml

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi