Anche Rod Stewart per la campagna contro la plastica che ci sommerge


Prendi un famoso rocker (Rod Stewart) che canta una canzone, una giovane star emergente (Sarah Catherine Hook), unisci la Montagna della serie Il trono di spade (l’islandese Thor Björnsson), aggiungi gas (poi vedremo il perché) e viene fuori il video di una campagna contro la plastica che sta soffocando gli oceani.

Più plastica che pesci

Il vero problema della plastica, poi, non è quella macroscopica, ma sono le microplastiche che si formano sotto l’azione delle onde, del vento, del sale e dell’acqua e che sono state trovate anche nelle profondità oceaniche, nei pesci, nei molluschi, e finisce alla fine al vertice della catena alimentare: cioè nel corpo umano. Secondo i ricercatori, nel 2050 nei mari ci sarà più plastica che pesci. Nell’Artico sono state trovate 12 mila particelle di microplastiche per litro di acqua. «In questa campagna abbiamo voluto dare voce agli animali marini e, insieme a loro, incoraggiare pubblico e aziende a svoltare dalla plastica usa e getta ai packaging riutilizzabili», ha detto Daniel Birnbaum, amministratore delegato di SodaStream, che compare nel backstage. «Sono innamorato degli oceani e della vita marina», ha commentato Rod Stewart. «Sono stato felice di prestare la mia voce a questa campagna se aiuta a sensibilizzare e a cambiamenti come il passaggio a bottiglie riutilizzabili».

13 novembre 2018 (modifica il 13 novembre 2018 | 18:07)

© RIPRODUZIONE RISERVATA




http://xml2.corriereobjects.it/rss/ambiente.xml

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi