ugg in offerta il mistero delle scarpe sui cavi di Piazza Alcalà

ugg in offerta il mistero delle scarpe sui cavi di Piazza Alcalà

ugg sparkle boots il mistero delle scarpe sui cavi di Piazza Alcalà

Shoefiti è diventata la parola d’ordine di tutti i viaggiatori. Quando si sta per lasciare un posto si cerca di afferrare con la mente tutti i ricordi, così da tenerli vivi nel tempo, ma si vuole anchelasciare unsegno che testimoni il proprio passaggio ed ecco che nasce una nuova tradizione: le scarpe appese ai fili della città.

Stiamo parlando della tradizione che, nata in America, sta dilagando in tutto il mondo, arrivando fino a Catania. La parola “shoefiti” è la perfetta sintesi di “shoe” (scarpa) e fiti (contrazione di graffiti), ma questa volta non servono pennarelli o bombolette, ci si affida alle care compagne di viaggio: le scarpe. Vengono legate tra loro, lanciate in aria e lasciate a penzoloni sui fili per dare un ultimo saluto a quel luogo che per mesi o anni ha fatto da casa.

L’origine di questo fenomeno non si conosce a fondo, c’è chi ipotizza che sia un’eredità tramandata dai soldati, che per festeggiare la fine del loro servizio militare lanciavano le scarpe in aria, o un segnale da parte degli spacciatori di droga per segnalare la loro presenza. C’è chi poi, amando le pellicole, non ha esitato a vederne l’origine in una delle tante scene in cui i protagonisti corrono con delle scarpe in mano, come in Big Fish di Tim Burton.

In Sicilia le città di Catania e Palermo hanno la testimonianza del passaggio della “generazione di Shoefiti”, ma il motivo è diverso da quelli elencati finora.

A Catania, qualche anno fa,
ugg in offerta il mistero delle scarpe sui cavi di Piazza Alcalà
erano state avvistate delle scarpe nel quartiere San Cristoforo e in molti vi avevano letto come spiegazione quella della presenza di spacciatori, ma le scarpe di Piazza Alcalà hanno una storia molto più interessante per tutti i giovani universitari.

Si tratta, infatti, dell’ultimo saluto da parte degli studenti Erasmus alla città in cui hanno fatto la loro esperienza di studio all’estero. Piazza Alcalà è una delle zone residenziali preferite dagli stranierei e da anni ospita soprattutto spagnoli, gli autori dello Shoefiti a Catania.

Tra un pacco da inviare a casa, una valigia da chiudere, gli amici da salutare e le ultime pratiche burocratiche da sbrigare all’università decidono di trovare del tempo per lasciare un paio di scarpe sotto il cielo etneo. Il gesto, ormai noto nel mondo dei giovani, continua a destare perplessità negli anziani al punto tale da definirlo “n’usanza araba”, dal momento che è un gesto compiuto da stranieri, o ancora “dove ci sono spagnoli ci sono scarpe appese!”.

Ed ecco che gli studenti spagnoli, e con loro gli Erasmus che ogni anno scelgono Catania come meta, facendo propria la frase del cileno Luis Seplveda: “Viaggiare è camminare verso l incontrare l conoscere, scoprire e tornare più ricchi di quando si era iniziato il cammino”, legano il paio di scarpe con cui hanno camminato nella Catania che mai dimenticheranno e le lanciano in aria, lasciandole appese a quel palazzo che per un lungo periodo hanno chiamato “casa”.

Direttore Responsabile: Federica CampilongoSull Sara ParisiTutti gli articoliREDAZIONERedazione CentraleRedazione CataniaRedazione PalermoLavora con noi Crea il blog della tua Università.
ugg in offerta il mistero delle scarpe sui cavi di Piazza Alcalà