ugg sydney Tute nere e attillate il look per lo sci super tecnico

ugg sydney Tute nere e attillate il look per lo sci super tecnico

ugg jimmy choo uk Tute nere e attillate il look per lo sci super tecnico

Speriamo di arrivare al disgelo primaverile senza rimanere bloccati a causa della neve in autostrada o su treni dai binari ghiacciati. In montagna invece la neve è bene accetta per qualche finesettimana decompressione sugli sci all’Abetone o in località sciistiche un po’ più lontane. Ma proprio quest’anno, che è tornato di moda il look ski vintage, con tute intere, aderenti e colorate che tanto erano amate da dive come Brigitte Bardot e Jaqueline Kennedy, cosa bisogna indossare sulle piste, per essere fashion senza rinunciare alle tecnologie più avanzate? E dopo, una volta guadagnato il posto davanti al caminetto? Discese chic e fashion. Per chi non rinuncia a mettere in mostra le proprie doti fisiche ci sono le tute super tecniche e aderenti di Moncler Grenoble, da scegliere colorate o nere e da accessoriare con guanti imbottiti e mascherina coordinati. Il top degli sci lo offre Pirelli Pzero, che ha unito materiali distanti come legno e carbonio, mentre per snowboardare in modo chic c’è la tavola Burton millerighe, realizzata in collaborazione con lo stilista inglese Paul Smith. Oppure barocca, con una ecopelliccia voluminosa e cascata di catene dorate. Stile e curve spericolate. Via libera al colore! Ecco allora la tavola “Youth Rocka ” di Head ideale per discese lunghe e scapicollo e dalla manutenzione molto semplice. Crust propone per i ragazzi piumini dal look seventies, mentre per la donna modelli con colli avvolgenti e in toni shocking come il rosso fragola. Colmar invece punta tutto sul contrasto tra esterno e fodera, mentre Duvetica esalta la zip e la rende quasi un ornamento. Per un tocco ironico, Ferrino,
ugg sydney Tute nere e attillate il look per lo sci super tecnico
brand specializzato in attrezzature per climbing, ha creato uno zaino con mongolia colorata, battezzato naturalmente “Yeti”. Non dimenticare poi di indossare il casco protettivo, ormai ce ne sono di tutti i modelli e colori, perfino con il bluetooth integrato come quelli di Dainese. Dopo la neve. Una volta raggiunto lo chalet e impugnata la tazza con la cioccolata bollente è il momento di rilassare mente e muscoli. A metà tra il tradizionalista e il delirio modaiolo, le tute elasticizzate stampate jacquard di D e i maglioni di lana grossa a stelle nordiche, ti terranno al caldo. Alle estremità i mitici Moon Boot o, se non ami l’effetto “piede di elefante”, i doposci firmati Lacoste: stivali imbottiti dotati di zeppa sagomata di gomma e multistringhe fascianti. Vanno bene anche i modaioli Ugg, stando però attenta a non scivolare sulle lastre di ghiaccio. Per giocare in coppia, ecco la giacca “Lui e Lei” imbottita tartan, uguale nella fantasia e diversa nel modello, di Belfe. Per gli uomini è quasi obbligatoria una bella camicia a quadri da boscaiolo e un pull con collo a scialle di lana tricottata grossa. Ai piedi scarponcini Timberland o le nuove stringate di Church’s con grossa suola carrarmato antiscivolo. Sopra, magari, un piumino più leggero, ma ecogreen come quelli di Breach,
ugg sydney Tute nere e attillate il look per lo sci super tecnico
realizzati con tessuto ricavato dalle bottiglie di plastica riciclate.