real ugg boots Lo stadio a porte chiuse è un danno d'immagine per la città

real ugg boots Lo stadio a porte chiuse è un danno d’immagine per la città

spaccio ugg Lo stadio a porte chiuse è un danno d’immagine per la città

Dopo Messina Lupa Roma (2a giornata di campionato, prima partita in casa), il club di Lo Monaco sarà nuovamente costretto a chiudere le porte dello stadio ai propri tifosi. E stavolta l non sarà consentito neppure agli abbonati. Il danno è ancora più alto se si pensa che già i biglietti erano stati posti in vendita ed anche in numero più alto rispetto alle volte precedenti, visto che il prezzo di un posto in curva era stato ridotto ad appena 5 euro.

Dopo le tensioni originatesi dalla trasferta messinese dei tifosi del Catanzaro nell gara interna dei giallorossi, il prefetto Stefano Trotta ordina la chiusura totale dell per la sfida di venerdì sera con il Benevento. All della decisione, secondo il Prefetto, la mancata attuazione delle norme legate allo spostamento in sicurezza della tifoseria ospite dalla Rada San Francesco allo Stadio San Filippo. 18 Giugno 1931 n. Messina Benevento dovrà essere disputato a porte chiuse. Il suddetto divieto permarrà anche per i successivi incontri fino a quando non verranno eliminate le criticità riscontrate”. Il provvedimento diviene ancora più clamoroso se si considera che i tifosi del Benevento avevano già comunicato la loro intenzione di noleggiare un pullman o spostarsi comunque con mezzi privati in occasione della trasferta nella città dello Stretto. Un dato, questo, che differenzia considerevolemente questa vicenda da quella di due settimane fa con i 176 tifosi catanzaresi privi di un mezzo di trasporto per raggiungere il San Filippo.

Sorvolando momentaneamente sul dato tecnico e politico della vicenda, è opportuno ricordare che la gara di venerdì verrà trasmessa in diretta nazionale su Raisport: un San Filippo con gli spalti deserti nella gara contro la vice capolista del torneo rappresenterebbe un danno d (oltre che economico) per la società e per tutta la città proprio nel momento in cui, dopo enormi difficoltà e troppi anni di anonimato tra i dilettanti, si era finalmente pronti a riaffacciarsi alla ribalta nazionale in attesa di raggiungere traguardi sempre più ambiziosi.

IN ALLEGATO IL PROVVEDIMENTO DELLA PREFETTURA

Riferisco di un non meglio Riferisco di un non meglio identificato osservatorio, poiché nessuna nota di rilievo ho trovato nel sito dell per le manifestazioni sportive, riguardo il Messina. nei provvedimenti regolarmente illustrati sul sito internet fino alla data del 14 .12.2014. Tra decine di società, anche di grande rilievo, cui prendere provvedimenti o trovare soluzioni, non ho letto mai Messina.

Comunque un record lo ha stabilito: è stato il primo Prefetto in Italia ad impedire la presenza sugli spalti agli abbonati per motivi di ordine pubblico. Congratulazioni vivissime. Gli sembrava poco la spocchia dimostrata in occasione della Vara? Per quanto tempo ancora il Ministro Alfano ci imporrà la sua presenza a Messina?

Per me è solo un pretesto Per me è solo un pretesto usato per una insana voglia di egemonia, rifiuto aprioristico di collaborazione e forse personale ripicca. Esiste il telefono, non si gestisce la sicurezza di una città a suon di provvedimenti e di lettere comunicate prima ai giornali che agli interessati. Il problema di Messina è che prima di finire di toglierli tutti e finalmente pensare a cose più concrete ci vorrà tanto, molto, moltissimo tempo.

Non ci resta che sperare che questo Santo Natale possa servire a disannebbiare le menti. Poi in tempo di pace forse era meglio dire un lusso invece che un peso ma queste differenze non cambiano l della questione:La partita poteva sicuramente essere fatta, abbiamo politici ed esperti in ogni settore quasi sempre strapagati avranno litigato all momento e non ci hanno fatto vedere la partita!

Messina è una città che conta Messina è una città che conta centinaia di migliaia di ab.

Sarebbe interessante sapere Sarebbe interessante sapere che cosa ha richiesto la società calcio Benevento o i tifosi organizzati beneventani alla società calcio Messina ed al Comune di Messina. Ci è stato imposto il Prefetto, non è l della città.

Un comune cittadino.

Provvedimento amministrativo Provvedimento amministrativo che non fa una grinza.

renatino non si è curato, nemmeno, di chiedere alla società una garanzia per i danni ai mezzi impiegati.

Paolo mollla e Filippo tira.

La diretta sancirà a livello nazionale il mesto e fragoroso fallimento di renatino, che con le pagliacciate del 4 Novembre 2013 e la cattiva figura con Ferrara aveva cercato di qualificarsi come il prossimo Nobel per la Pace.
real ugg boots Lo stadio a porte chiuse è un danno d'immagine per la città